Brunetta: tavolo con i sindacati ma senza la Cgil

03/12/2009

«È una scortesia istituzionale,politica e sociale. è un gravissimo autogol del ministro». Così Guglielmo Epifani commenta la decisione del ministro Renato Brunetta di convocare alta volo sul rinnovo contrattuale (il9dicembre) tutti i sindacati esclusa la Cgil. «Un grave attacco alla democrazia»,aggiunge il segretario generale dell’Fp-Cgil nazionale Carlo Podda. Si fa sentire anche il Pd, con Stefano Fassina che osserva come «il ministro Brunetta, in linea con Sacconi, punta solo a dividere il sindacato». Dal ministero fanno sapere che la convocazione riguarda solo le sigle che hanno firmato l’accordo di gennaio. Anche tra quelli, per la verità, non tira una bella aria. La Confsal ha già dichiarato lo stato di agitazione, e il clima resta teso visto che la manovra non prevede risorse per il rinnovo. Insomma, ancora una volta solo tensioni con i sindacati.