“Brevi” Turismo, Lazio e Veneto

22/07/2002


21/07/2002


BREVI

Turismo, Lazio e Veneto

Oltre 2 miliardi e 100 milioni di euro. A tanto ammonta la valutazione del saldo dei movimenti di denaro del turismo in Italia negli ultimi quattro anni. Lazio e Veneto sono le regioni in testa alla classifica e che insieme contribuiscono a dare la metà delle entrate nel settore: rispettivamente 553 e 552 milioni di euro. Segue poi la Toscana cpm 354 milioni di euro, mentre all’ultimo posto risulta questa volta la Lombardia, dove il saldo negativo è di 140 milioni di euro, seguita dall’Emilia Romagna (-91 milioni di euro). Sono i dati più significativi di una ricerca del Centro studi della Cgia di Mestre sulla bilancia turistica dei pagamenti. L’analisi della Cgia di Mestre non si ferma comunque ai dati più recenti, ma mette a confronto alcune serie degli ultimi anni, individuando così un andamento del settore. Le regioni che sono oggi sul podio delle prime hanno mantenuto comunque buone performance già dal 1998. Stesso discorso per il Lazio e la Toscana. Queste tre regioni in questi ultimi anni non hanno fatto altro che continuare a crescere a proposito delle entrate dovute al turismo. Per quanto riguarda un sguardo d’insieme e un’analisi per macroregioni, emerge dai dati della Cgia di Mestre, che da tempo ci ha abituato alle sue analisi puntuali sui fenomeni economici e sociali, che a fare la parte del leone nel turismo rimane la macroregione del centro Italia, tra Lazio, Toscana e Umbria.