Boscoscuro rimane alla guida dell’Astoi

08/03/2006
    mercoled� 8 marzo 2006

    Pagina 20 – Turismo

      Boscoscuro rimane alla guida dell’Astoi

        Giuseppe Boscoscuro � stato confermato per altri due anni alla guida dell’Astoi, l’associazione che raggruppa i principali tour operator italiani, aderente a Federturismo-Confindustria. Ieri si � svolta l’assemblea a Roma.

        di Massimo Galli

          Non � un momento facile per il settore, ma Boscoscuro ritiene che il peggio sia passato. Sul fronte dei viaggi all’estero, dopo il calo di passeggeri del 3% nel 2005, �da dicembre il trend � buono, si registra una crescita e anche i segnali per l’estate sembrano interessanti. Poi’, ammette Boscoscuro, �viviamo un po’ alla giornata, visto che l’anno scorso ci sono stati molti eventi climatici sfavorevoli che hanno colpito localit� turistiche. La tendenza comunque � positiva: per esempio, l’Egitto da un mese sta andando alla grande’.

            Per quanto riguarda le strategie, il presidente dell’Astoi nota che � in corso una razionalizzazione dell’offerta, cio� una diminuzione dei posti disponibili, per cercare di difendere il prezzo e la marginalit�. �I last minute si fanno e si faranno ancora, ma sempre meno: ora si propone l’advance booking’. Un altro obiettivo riguarda l’ampliamento dell’incoming per diversificare il business: non soltanto da parte dei principali t.o. ma anche da parte di operatori medi.

              A proposito della crisi che ha recentemente colpito alcuni associati, Boscoscuro ritiene che per uscire dal momento critico occorrono �una gestione ferrea, investimenti in tecnologia, ricorrere nei limiti del possibile all’outsourcing aziendale ma, soprattutto, equilibrare l’offerta perch� il mercato � molto volubile’. Sull’ingresso di fondi di private equity nel capitale delle societ� il presidente dell’Astoi osserva: �Ben vengano, possono portare nuova linfa di idee e management, anche se � un mercato particolare dove alla fine, pi� che la finanza, conta l’abilit� dell’imprenditore’. Infine, Boscoscuro annuncia nel giro di un mese l’apertura di un tavolo con le associazioni dei consumatori.

                Dal canto suo Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federturismo, intervenuto all’assemblea, ha auspicato che il governo italiano sia presente alla Conferenza europea dei ministri del turismo che si terr� a Vienna il 20 e 21 marzo. (riproduzione riservata)