Bolzano, richieste boom nelle aziende turistiche

26/02/2002





Bolzano, richieste boom nelle aziende turistiche
BOLZANO – La provincia � stata quella maggiormente beneficiata nel recente decreto sui lavoratori extracomunitari stagionali con ben 13mila ingressi, ma Bolzano conferma una dinamica estremamente elevata della domanda, soprattutto nel settore turistico-alberghiero. Secondo l’ultima rilevazione dell’Ire, l’istituto di ricerca della Camera di commercio, l’89% degli esercizi ricettivi e l’82% di quelli che operano nell’enogastronomia hanno segnalato l’esigenza di personale. Alberghi ed agriturismi puntano obbligatoriamente in maniera decisa sugli immigrati e due su tre ormai hanno almeno un dipendente straniero. Ristoranti e bar, invece, trovano con pi� difficolt� fra gli immigrati personale qualificato e le assunzioni, finora, non vanno oltre il 38%. La stessa analisi ha dato anche una sorta di pagella ai lavoratori extracomunitari. Il 79% dei 400 operatori economici nel settore del turismo interpellati si � detto soddisfatto del lavoro degli immigrati e l’80% ha sostenuto che le richieste retributive sono comunque accettabili in relazione al lavoro prestato. Qualche problema, semmai, viene dall’integrazione sociale che per il 34% degli interpellati � ancora insoddisfacente e solo per un 10% � adeguata. C’� ancora parecchio la lavorare, invece, su qualificazione professionale e flessibilit�. Il livello di insoddisfazione sale al 48% relativamente alla preparazione e solo un modesto 6% ritiene adeguata la formazione del proprio personale extracomunitario. Quanto alla flessibilit� il part-time potrebbe risolvere molti problemi, ma solo il 28% degli esercizi ricettivi ed il 12% di quelli enogastronomici utilizza questo strumento.
C.Pas.

Marted� 26 Febbraio 2002