Bologna. Oltre 80 mila firme per difendere le Coop

19/09/2001

19 Settembre 2001


 

Chiedono la modifica di un articolo della legge sul diritto societario che penalizza le cooperative la protesta
Oltre 80 mila firme per difendere le Coop




Sono oltre 80.000 le firme raccolte nei punti vendita Coop Adriatica per chiedere al Senato la modifica dell’articolo 5 della legge sul diritto societario, che riguarda le cooperative.
Il risultato è stato annunciato nel corso dell’assemblea pubblica dei soci attivi di Bologna della Cooperativa, alla quale sono intervenuti il presidente nazionale di CoopAncc Giorgio Riccioni, quello di Legacoop Bologna Adriano Turrini e quello di Coop Adriatica Pierluigi Stefanini. All’iniziativa hanno preso parte rappresentanti delle amministrazioni locali, tra cui l’assessore regionale alla attività produttive Duccio Campagnoli e quello della Provincia di Bologna Nerio Bentivogli.
«La nostra – ha detto nel suo intervento il presidente di Coop Adriatica Stefanini – non è una battaglia per difendere presunti quanto inesistenti privilegi, ma per la libertà d’impresa e il pluralismo nell’economia». Le firme raccolte saranno portate nei prossimi giorni al presidente del Senato, Pera.
Messaggi sono anche arrivati dai parlamentari bolognesi dell’Ulivo.
Sempre ieri, intanto, a Ravenna le coop hanno annunciato di aver raccolto nei supermercati più di 30 mila firme. L’iniziativa è stata promossa e avviata da Legacoop Ravenna e da Coop Adriatica che ha allestito diversi «punti» nei propri supermercati.