Bologna. Lavoro notturno, sciopero alla Coop

27/05/2002



BOLOGNA




Lavoro notturno, sciopero alla Coop
 
Si concentrano nel prossimo weekend le iniziative di lotta dei lavoratori dei supermercati e ipermercati Coop. «Non possiamo più aspettare. Abbiamo rotto il 18 aprile e registriamo solo segnali che non ci soddisfano per niente»— dice Massimo Melotti, segretario della Filcams-Cgil dopo il vertice di venerdì, chiuso con una fumata nera. Da una parte c’era l’associazione che rappresenta le Coop (Adriatica, Estense, Nord-Est) e dall’altra Cgil, Cisl e Uil di categoria, con i rappresentanti nazionali, regionali e provinciali (Bologna, Modena, Ravenna, Ferrara, Reggio Emilia e Parma).
Pomo della discordia il lavoro notturno e l’impiego degli interinali, arruolati con i contratti di collaborazione per mansioni che, secondo i sindacati, sono le stesse di quelle degli assunti in pianta stabile dalle Coop. C’è già un pacchetto di otto ore di sciopero e i sindacati hanno promesso di entrare in azione con il minimo preavviso possibile.
«Non siamo soddisfatti dell’incontro»— dice Melotti: la proposta della controparte è stata la costituzione di cooperative ad hoc per gli interinali. No grazie, è stata la risposta dei tre sindacati: «non ci si può chiedere di formalizzare con un accordo quella che per noi è un’anomalia».
La vertenza a Bologna riguarda una dozzina di addetti per ciascuno dei super e ipermercati, ma secondo i sindacati si tratta di un modello che la Coop vorrebbe confermare ed estendere.