Blockbuster, manager-commessi per affinare marketing e strategie

22/04/2003

ItaliaOggi (Marketing)
Numero
095, pag. 17 del 22/4/2003
di Lucia Coluccelli


L’a.d. ha gestito con alcuni dirigenti il punto vendita di Biella per una settimana.

Blockbuster, manager-commessi per affinare marketing e strategie

Come decidere le strategie commerciali e di marketing di una grande azienda? Lo staff dirigenziale si trasforma in commessi e cassieri. Capita a Blockbuster Italia. Così, per una settimana, l’amministratore delegato, Paolo Penati, e il direttore marketing, Carlotta Saltini, si sono ritrovati a Biella a gestire, insieme agli altri rappresentanti del comitato di direzione, il punto vendita della città. ´Abbiamo preso il posto dell’intero staff del negozio’, ha detto l’a.d. Penati, ´per comprendere, a contatto diretto con i clienti, cosa funzionava e cosa andava cambiato’.

L’iniziativa era stata anticipata durante la convention Blockbuster tenutasi a Malta a febbraio. La scelta del negozio di Biella è avvenuta per estrazione effettuata proprio durante la convention. Il periodo scelto non è stato casuale. Infatti, si è preferito fare questo esperimento in una settimana calda: quella in cui era prevista l’uscita di uno dei titoli top della stagione: Harry Potter e la camera dei segreti. ´Già a dicembre 2002 avevamo fatto un esperimento simile, ma per un solo giorno, affiancandoci a turno allo staff del punto vendita’, precisa Penati, ´Questa volta, invece, abbiamo preso in mano tutta l’organizzazione. Abbiamo cominciato con il cambiare il materiale di comunicazione. Abbiamo ascoltato le lamentele dei clienti per videocassette difettose. Si è confermata l’importanza del rapporto con il cliente, ma anche la gestione della logistica per l’arrivo e immagazzinamento merce’.

Proprio su quest’ultimo punto il managing director spiega come si sia compresa l’opportunità di gestire meglio l’invio dei prodotti ai punti vendita. ´Essendo la settimana di Harry Potter sono arrivati in negozio una valanga di Dvd e videocassette’, racconta. ´Un vero momento traumatico. Ci siamo resi conto di non esagerare con la quantità della merce, per non rubare tempo al personale che deve essere attento al cliente’.

Comunque, Dvd e videocassette del maghetto adorato sono andate via a ruba. Da giovedì 10 a domenica 13 aprile, si sono venduti 16 mila e 500 pezzi, il 52% di Dvd e 48% di Vhs. La stessa percentuale è valsa per il noleggio che ha visto andar via 13 mila e 500 pezzi. ´Abbiamo constatato’, conferma Penati, ´il sorpasso ormai avvenuto del Dvd rispetto alla videocassetta. Non ce l’aspettavamo in così breve tempo. E tenete conto che la penetrazione dei lettori Dvd non arriva al 10% rispetto all’80% dei videoregistratori. Dunque, la vendita è di 3 Dvd rispetto a 1 videocassetta. Con l’eccezione dei titoli Disney per ragazzi. Ma Harry Potter, prodotto orientato ai ragazzi, dimostra come il sorpasso dei Dvd sia una realtà. Cosa già accaduta per titoli come Spider Man e Il Signore degli anelli’. Intanto proseguono le operazioni di co-marketing. Carlotta Saltini ricorda quella con Pringles. ´L’avevamo fatta già l’anno scorso e continuerà il prossimo’, annuncia il marketing director Blockbuster Italia and Continental Europe, ´quest’anno l’operazione ha portato a 700 mila pezzi in più di noleggio e 100 mila nuovi soci’.