Blockbuster apre 200 nuovi negozi

10/12/2002



              10 dicembre 2002




              Blockbuster apre 200 nuovi negozi
              VINCENZO CHIERCHIA


              MILANO – Blockbuster Italia accelera sugli investimenti, sia per lo sviluppo della rete, sia per il lancio di partnership commerciali. L’obiettivo, come dichiarato dall’amministratore delegato Paolo Penati, è di rendere capillare la presenza della società specializzate non solo nel noleggio di videocassette bensì nella vendita di prodotti collegati all’intrattenimento serale domestico. Di recente è stata siglata l’uscita della Fininvest da Blockbuster Italia, che oggi fa capo interamente alla Viacom. «Entro tre o quattro anni – ha affermato Penati – contiamo di raddoppiare la rete di evnuta attuale che dispone di 200 punti vendita di cui 165 in getione diretta e 35 in affiliazione». Lo sviluppo (una quarantina almeno di nuovi negozi l’anno) dovrebbe essere realizzato in misura pressochè paritaria tra le due formule, gestione diretta e franchising. Il giro d’affari Blockbuster si aggira sui 120 milioni di euro. Ai negozi italiani fanno capo oltre 2 milioni di famiglie titolari di una tessera. Blockbuster Italia ha poi siglato delle intese di carattere commerciale nel settore dei videogiochi, delle bevande (Coca cola) e degli alimenti surgelati (linee Algida e "Quattro salti in padella") con Sagit-Unilever. Ieri a Milano è stato poi presentato l’accordo tra Blockbuster Italia e la Nove nove pubblicità, che ha l’obiettivo di sviluppare sinergie commerciali con Radio Monte Carlo e Radio 105. «Il nostro pubblico ha un grande interese per la musica – ha commentato Penati -. I cd musicali sono sinergici all’interno del l’offerta Blockbuster nell’ambito dell’intrattenimento casalingo. Procederemo sicuramente si questa strada, siglando altre alleanze con partner complementari con la nostra offerta. I nostri negozi sono delle piattaforme di comunicazione con i nostri clienti, e l’obiettivo è di arricchire in maniera mirata l’offerta di servizi. Con i libri abbiamo avuto successo, ad esempio, le vendite sono passate dai 45mila del 1997 ai 140mila circa di oggi». Giudicate positive anche le performance di Coca cola e delle linee alimentari surgelate Sagit-Unilever. «I profili di audience di Radio Monte Carlo e 105 sono in linea con Blockbuster – ha spiegato Antonella Ripamonti, responsabile marketing di Nove nove pubblicità -. Abbiamo in totale 5,5 milioni di ascoltatori nel giorno medio e il 18% di quota tra le radio commerciali. L’accordo prevede lo sviluppo di iniziative commerciali presso i negozi Blockbuster, destinate al pubblico giovane e trendy. Saranno organizzati eventi musicali presso i negozi, che ospitano display di vendita dei nostri proodtti musicali, e create sinergie di comunicazione sui mezzi radiofonici.