“BladeRunner” Fuori i secondi

13/03/2006
    luned� 13 marzo 2006

    Pagina 2 – Primo Piano

    GLI �ALLENATORI� DI PRODI E BERLUSCONI METTONO A PUNTO I DETTAGLI DELLA SFIDA IN ONDA DOMANI SERA ALLE 21 SU RAIDUE

      Fuori i secondi

        Raffaello Masci

          ROMA
          �Fuori i secondi�, cio� i portavoce, i capi degli staff, i �grandi allenatori�. Paolo Bonaiuti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio e portavoce di Berlusconi, e Silvio Sircana, capo della comunicazione di Romano Prodi, sono gli uomini del momento, in attesa del fatidico incontro tra i rispettivi capi atteso per domani sera.

            Dopo la fase degli accordi sulle modalit� del dibattito (che non hanno soddisfatto Forza Italia per l’eccessiva rigidit�) oggi sar� la giornata dei dettagli tecnici. C’� da fare un sopralluogo negli studi televisivi, valutare inquadrature, luci e altri accorgimenti.

              Il leader della Cdl, Silvio Berlusconi, da sempre ostenta una grande dimestichezza con il mezzo televisivo e per questo – secondo i suoi – non ha alcun timore. Gi� due giorni fa ha dichiarato di essere pronto e di non aver bisogno di ulteriori �allenamenti�. Anche la sua controparte, Romano Prodi, tornando da Praga dove ha partecipato alla convention del partito socialista europeo, ha detto di essere quantomai sicuro, al punto di poter sostenere fin da subito il dibattito con il suo “competitor”: �Sono pronto anche stasera�, ha detto ai cronisti che lo interrogavano su come vivesse la lunga vigilia. �Il problema non � prepararsi – ha aggiunto -. C’� una discussione sulle regole che affrontiamo con la volont� di fare il confronto. Credo che i tempi della televisione, delle necessit� tecniche saranno facilmente armonizzati con la volont� dei due contendenti�.

                Forza Italia � tornata comunque a ribadire che questo confronto spacciato come �all’americana�, sar� in realt� una paludatissima intervista incrociata, assai lontana da quanto sperato: �Il rischio – ha detto il parlamentare azzurro Francesco Giro – � quello di assistere alla sfida di due robot con schede prestampate in testa: niente confronto, niente dibattito e, come ha dichiarato lo stesso Berlusconi, una parvenza di democrazia nella quale i due sfidanti sono costretti a recitare un copione gi� scritto. Come si dice a Roma: “ce tocca abbozz�”. Ma gli elettori dovranno ricordare al momento del voto che noi volevamo una sfida TV vera, mentre loro ci hanno imposto una sfida un po’ fasulla, e questo perch� hanno paura di ammettere la verit� di una sinistra divisa su tutto e incapace di guidare una nazione�.

                  A Berlusconi, comunque, un consiglio su cosa fare � arrivato ieri da un politico di lungo corso come Gianni de Michelis, leader del nuovo Psi e suo alleato: �Se posso permettermi di dare un consiglio a Berlusconi per l’incontro di marted�, lo esorterei a parlare del perch� la coppa � mezza vuota, non del perch� � mezza piena e di cosa il suo governo ha fatto per riempirla�.

                    �Gli italiani – ha spiegato ancora De Michelis, a Catania per una convention del suo partito – sono infatti preoccupati della coppa mezza vuota. Spiegare come mai � cos� potr� servire a vincere le elezioni. Vincer� infatti chi riuscir� a convincere le persone della ragione per cui il bicchiere � rimasto mezzo vuoto�.

                      Superfluo dire che sull’incontro tra i leader dei due schieramenti si sta ora allungando anche l’ombra dell’incidente avvenuto durante la trasmissione di Lucia Annunziata, e che ha visto il presidente del Consiglio perdere le staffe. �Sono stupito – ha commentato Sircana – e spero solo che il premier non scappi marted� davanti a Prodi�. Il suo omologo Paolo Bonaiuti gli ha replicato sollevando le sue riserve sullo stile di conduzione di quella trasmissione e ha aggiunto che �la par condicio dovrebbe valere anche per i conduttori�. Da tutto ci� consegue che il dibattito di domani avverr� in un clima non esattamente disteso.