“BladeRunner” Berlusconi-Annunziata, scintille su RaiTre

13/03/2006
    luned� 13 marzo 2006

    Pagina 3 – Primo Piano

    ALLA REGISTRAZIONE DI �IN MEZZ’ORA� LA RAI MANDA IN ONDA LO STESSO LA TRASMISSIONE. IL CAVALIERE TORNA A PARLARE DI BROGLI

      Berlusconi-Annunziata, scintille su RaiTre

        Il premier lascia l’intervista a met�: lei � violenta, si vergogni. La giornalista: qui non comanda lei

          Maria Grazia Bruzzone

            ROMA
            Annunziata: �Lei non � abituato ad avere colloqui coi giornalisti�. Berlusconi: �Va bene, signora. Se lei non mi fa parlare io la saluto�. Si alza: �Complimenti. Ha dimostrato bene come si comporta una persona che ha pregiudizi e che sta a sinistra…�. In piedi, le stringe la mano �… e le posso dire una cosa: lei deve avere un po’ di vergogna per come si � comportata�. Annunziata, insiste: �Presidente, lei non sa trattare coi giornalisti�.

              Si interrompe cos� �In mezz’ora�, il programma intervista di Lucia Annunziata a Silvio Berlusconi. Uno scontro, come era diventato dopo qualche minuto. Con la giornalista intenzionata ad avere �il privilegio� di poter fare al premier �delle domande a cui avere delle risposte senza sentirsi dire quello che lei vuole dire�, come lei stessa gli rivela a un certo punto. E lui che non ci sta. Vuole parlare �di quel che ha fatto il governo in questi cinque anni e di quel che far�. Possibilmente senza essere interrotto, tanto meno contraddetto. E’ la prima volta che un intervistato abbandona lo studio e lascia a met� una trasmissione. E la Rai, finita la registrazione, si pone il problema se mandarlo in onda. Un giro di telefonate fra il direttore del Tg3 Di Bella, al quale � ricondotta la responsabilit� del programma, il direttore di Rai3 Ruffini, che era in sala regia, e il presidente Petruccioli. E si decide di trasmettere tutto, senza tagli. Il Tg3, che normalmente anticipa l’intervista per pubblicizzarla, questa volta apre con la notizia e le immagini del premier che si alza e se ne va.

                Berlusconi � cos� convinto del suo gesto che mostra il video durante un comizio a Pescara: �Non sono pentito, era l’unica cosa che potevo fare di fronte a una conduzione inaccettabile�. E’ gi� entrato nei panni della vittima. Se la prende col film di Moretti �in cui vengo rapito e ucciso�, con i �manifesti taroccati� dalla sinistra, con Ballar�, �che falsifica la verit� e Floris �campione di faziosit�. Intanto il suo portavoce Bonaiuti chiede al dg Rai Meocci una verifica della par condicio �che deve valere per tutti: non solo per i politici, ma anche per gli intervistatori e i conduttori�. Sircana, portavoce di Prodi, si limita a ironizzare sul Cavaliere: �L’importante � che non se ne vada marted� sera�, la serata del fatidico duello tv. Dall’Unione c’� anche chi (il Dl Merlo) risponde a Bonaiuti facendogli notare che Tg1 e Tg2 la par condicio la violano tutti i giorni dando molto pi� tempo alla destra che alla sinistra. Il caso �Mezz’ora� approder� in Cda mercoled�, annuncia la Rai in una nota dove prende distanza dalle domande di Annunziata (nota che Santoro critica). �Occorrono tre giorni per verificare un video che dura 20 minuti?�, si chiede al contrario Bonaiuti.

                  All’inizio invero l’intervista era filata quasi liscia, sia pur fra sorrisi tiratissimi e domande scomode. La prima sul caso Storace e il timore di brogli elettorali (�Certo, perch� sono nella tradizione della sinistra che nel ‘96 si � vantata di aver sottratto migliaia di voti alla destra� rispondeva Berlusconi). Poi sul conflitto di interessi e sul perch� la Rai in 5 anni ha raccolto meno pubblicit� di Mediaset, pur avendo pi� ascolti. Si passa all’editoriale del direttore del Corriere Mieli, e Annunziata quasi condivide l’affermazione di Berlusconi che Mieli in fondo ha dato ragione a lui, che da anni denuncia il Corriere schierato a sinistra. Quando comincia il primo battibecco. �Mi fa dire qualcosa che interessi gli italiani? Vorrei che mi domandasse perch� gli elettori devono votare per noi e non per la sinistra�.

                    Annunziata lo blocca. �Lei ha a disposizione molte altre trasmissioni�. �Lei � violenta�. �Io violenta? No, lei non pu� dettare le regole�, e gli spiega che vorrebbe avere il privilegio di far lei le domande. �Lei sta approfittando della mia buona educazione�. �Abbiamo tutti e due un’educazione ottima…�, replica la giornalista, e pone una domanda sull’insoddisfazione dei poteri forti per il governo. Berlusconi spiega di aver fatto �una politica sociale importante� e snocciola un po’ di successi. Annunziata insiste: �E allora?�. Il premier sostiene che �Montezemolo non � la Confindustria�. �Ma l’Italia � ferma�, incalza lei. Al che lui cita per la prima volta dei dati sullo sviluppo italiano rispetto all’Europa, -0,8 col suo governo, -0,9 con la sinistra. Lei lo contesta. Lui l’accusa di non sapere niente di economia. Vorrebbe finire di rispondere, poi la situazione precipita. E mentre il premier esce si sente la sua voce fuori campo che esclama: �E poi dicono che la Rai � controllata da me!�.