BILLA, SCIOPERANO LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI

26/01/2012

26 gennaio 2012

Billa, scioperano le lavoratrici ed i lavoratori

Le Segreterie Filcams-Cgil, Fisascat-cisl e Uiltucs-Uil, unitamente al Coordinamento delle delegate e dei delegati, hanno deciso di proclamare lo sciopero nazionale del Gruppo Rewe Billa, da sabato 28 gennaio fino a domenica 5 febbraio – per un totale di 10 ore complessive.
“La decisione dello sciopero” affermano i sindacati “è maturata per protestare contro alcune decisioni aziendali: il disimpegno del Gruppo che ha abbandonato il Centro Sud, per evidenziare le diverse problematicità relative alla cessione a Conad delle 42 filiali, per contrastare la decisione unilaterale di avviare le procedure di mobilità senza alcuna prospettiva occupazionale per 150 lavoratori occupati in 6 filiali come Lecce, Porcia (Pordenone),Vicenza , Treviso, Padova e Verona.”
Persiste, inoltre, grande incertezza per le restanti filiali di Roma ( Colle di Rienzo – Trionfale ), Castellanza, Tortoreto, Reggio Emilia, Parma, Arezzo, con oltre 300 lavoratori, che sono rimaste escluse dal pacchetto di filiali cedute a Conad e con prospettive future incerte.
L’azienda ha comunicato la chiusura delle filiali di Trecate e Milano Palmanova, con l’intenzione di ricollocare i lavoratori in altri punti vendita del gruppo Billa.

“Il Gruppo Rewe Billa ha disatteso gli impegni assunti in sede di avvio della riorganizzazione di Rewe Billa, soprattutto per evitare la perdita di posti di lavoro” concludono le organizzazioni sindacali.