BIENNIO CONTRATTI COMMERCIO E DISTRIBUZIONE COOPERATIVA: FIRMATE IPOTESI DI ACCORDO

02/07/2001

FILCAMS-CgilFISASCAT-CislUILTUCS-Uil
Federazioni lavoratori commercio turismo servizi

2 luglio 2001

BIENNIO COMMERCIO: FIRMATA L'IPOTESI DI ACCORDO

“Firmata oggi, da Filcams Fisascat Uiltucs e Confcommercio, l’ipotesi di accordo per il rinnovo del 2° biennio, per circa 1 milione e mezzo di lavoratori e lavoratrici del Commercio.

“La precedente rottura del negoziato, avvenuta nella notte di giovedì 28, ha prodotto un’accelerazione del confronto e quindi della conclusione dello stesso.

“Le Segreterie Nazionale di Filcams-Cgil Fisascat-Cisl Uiltucs-Uil, unitamente alla delegazione trattante, valutano positivamente l’ipotesi di accordo, in quanto viene confermata la validità dell’accordo del 23 luglio ’93; si ottiene nel biennio 2001-2002, un aumento salariale pari a lire 102.500, che copre sostanzialmente i tassi di inflazione (recupero del biennio pregresso e inflazione programmata 2001-2002). Un ulteriore aumento, pari a lire 28.000 nel 2003, a fronte di scostamenti dei due Dpef (2001-2002), le parti valuteranno le determinazioni da adottare, in coerenza con l’accordo del 23 luglio.

“Filcams Fisascat Uiltucs Nazionali sottoporranno nelle prossime settimane, nelle assemblee dei lavoratori, l’ipotesi di accordo sottoscritta.

“Le Segreterie Nazionali di Filcams Fisascat Uiltucs chiuso positivamente il biennio economico del Ccnl Terziario, saranno impegnate nei prossimi mesi per realizzare compiutamente il 2° livello di contrattazione, sia aziendale che territoriale, in tutte le aziende ed i territori con contratti integrativi scaduti e/o prossimi alla scadenza”.

La graduazione degli aumenti è così determinata: il 1° luglio 20mila lire per il 4° livello, a settembre 320mila lire di una tantum, il 1° gennaio del 2002 42.500 lire, il 1° luglio del 2002 40mila lire per un totale di 102.500 lire; il 1° gennaio 2003 28mila lire.
Il contratto nazionale quadriennale scade, naturalmente, il 31 dicembre 2002.

*************************

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa

2 luglio 2001

BIENNIO COMMERCIO: DICHIARAZIONE SEGRETARIO GENERALE CORRAINI

Ivano Corraini, segretario generale della Filcams-Cgil, esprime soddisfazione per l'accordo raggiunto tra sindacati e Confcommercio sul rinnovo della parte economica biennale del contratto terziario, commercio e servizi.

“Questo accordo - dice Corraini - garantisce il recupero dell'inflazione reale per il biennio 1999-2000 e dell'inflazione attesa per il 2001-2002 e dunque la difesa piena del salario dei lavoratori del commercio.

“La svolta è avvenuta giovedì scorso quando con molta determinazione le delegazioni sindacali avevano dichiarato di essere pronte allo scontro sulle proposte del tutto insoddisfacenti formulate dalla delegazione di Confcommercio. La fermezza dimostrata ha consentito questo risultato ma innanzitutto ha consentito di respingere la proposta provocatoria avanzata dalla grande distribuzione di introdurre una moratoria per la contrattazione aziendale. Questa è stata una ferma difesa del protocollo del 23 luglio '93 e del sistema delle relazioni industriali.

“Vorrei ancora ricordare che in questo contratto, per la prima volta, l'una tantum è pagata in proporzione anche ai lavoratori con contratti a termine.

“Ora, tutto il nostro impegno è rivolto alla contrattazione di secondo livello nelle aziende dov'è scaduta o sta per scadere”.

*****************************

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa

2 luglio 2001

BIENNIO COMMERCIO: DISSENSO DI LAVORO SOCIETA', CAMBIARE ROTTA

Bruno Rastelli, leader di "Lavoro Società, Cambiare rotta", dissente dalle valutazioni espresse sull'accordo che ha chiuso il rinnovo dell'adeguamento economico biennale del contratto commercio, terziario e servizi.

Per Rastelli “il risultato ottenuto è lontano dalla richiesta di 115mila lire che era stata espressa in piattaforma, richiesta per altro già contenuta e sottostimata rispetto all'inflazione reale. Ma il punto più negativo è di avere intaccato il terzo anno. Non esiste un biennio triennale - prosegue Rastelli -, il recupero sul terzo anno si rivelerà un indebolimento del rinnovo del prossimo biennio. L'unica nota apprezzabile è che gli aumenti salariali erogati non sono assorbibili”.

***************************

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa

2 luglio 2001

BIENNIO ECONOMICO: FIRMA ANCHE DISTRIBUZIONE COOPERATIVA

Anche la distribuzione cooperativa, subito dopo il commercio, ha adeguato il biennio economico. Filcams Fisascat Uiltucs e le associazioni cooperative Ancc e Ancd, aderenti alla Lega delle Cooperative, Confcooperative-Federconsumo, Agc hanno chiuso la trattativa firmando l'ipotesi di accordo per adeguare i salari del biennio 2001-2002.

I contenuti dell'accordo sono allineati a quelli ottenuti per il commercio: il 1° luglio 20mila lire per il 4° livello, a settembre 320mila lire di una tantum, il 1° gennaio del 2002 42.500 lire, il 1° luglio del 2002 40mila lire per un totale di 102.500 lire; il 1° gennaio 2003 28mila lire.

La scadenza, naturale, del contratto nazionale distribuzione cooperativa è il 31 dicembre 2002.

Accanto all'adeguamento di ordine puramente retributivo, l'accordo prevede che i lavoratori dipendenti con contratti a tempo determinato con più di tre mesi di lavoro possono aderire al fondo previdenziale Previcooper. I lavoratori interessati a questa tornata contrattuale sono 60mila, occupati in un migliaio circa di imprese cooperative.