Bernardi Group, proclamazione stato di agitazione 27/03/2013

Roma, 27 marzo 2013

successivamente alla cessione al gruppo Coin di buona parte dei punti vendita facenti capo al gruppo Bernardi, quest’ultima ha subito un pesante tracollo. La stessa Coin, che in base al contratto di acquisto, doveva provvedere a fornire la merce, ha cessato le forniture in seguito al mancato pagamento delle stesse.
La stessa morosità, da parte di Bernardi, risulterebbe anche sul pagamento degli affitti e delle utenze. Inoltre, negli ultimi mesi, gli incassi dei punti vendita vengono ritirati direttamente dall’azienda e non più versati in banca. Lo scenario è quindi drammatico e prefigura una situazione fallimentare.
Per tale motivo, la nostra struttura di Udine, si è fatta promotrice di una convocazione dell’azienda in sede istituzionale, dato che sia la sede che il grosso dei punti vendita sono collocati in Friuli Venezia Giulia.
Presso la Regione, non si è presentata la proprietà, bensì il Sig. Alborghetti, che ha dichiarato di essere presente a “titolo personale”. In conseguenza di ciò abbiamo, unitariamente, proclamato lo stato di agitazione e richiesto un incontro urgente, come da lettera allegata. Vi informeremo tempestivamente dei successivi sviluppi.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi