Benetton ridisegna gli Autogrill

IlSole24Ore 5 marzo 2001



RiorganizzazioniVarato il nuovo assetto della società guidata dall’amministratore delegato Livio Buttignol

Benetton ridisegna gli Autogrill Struttura decisionale più concentrata e maggiore responsabilità alle unità operative dei singoli Paesi
Vincenzo Chierchia

Il gruppo Autogrill si riorganizza con una nuova struttura operativa per gestire business che si estendono ormai su vari continenti e affrontare una nuova fase di sviluppo. La progettazione della nuova matrice organizzativa è avvenuta d’intesa con la società multinazionale di consulenza AtKearney. L’obiettivo è di concentrare i livelli decisionali, e, nello stesso tempo dare maggiori responsabilità alle unità operative dei singoli Paesi, liberando nel contempo risorse per lo sviluppo di marchi globali e nuovi formati.

Come sottolineano in Autogrill il nuovo assetto organizzativo si sviluppa su più livelli (Corporate, Europa e Italia) allo scopo di rafforzare le responsabilità dei Paesi nella gestione e sviluppo competitivo del business; consolidare il ruolo Corporate e delle funzioni a livello Europa per quanto riguarda la definizione del frame strategico, lo sviluppo dei concept (format di locale/punto di vendita) e brand (marchio/insegna dei concept), la implementazione di politiche e processi, lo sviluppo delle competenze chiave; valorizzare il rilevante potenziale internazionale del marchio Spizzico cogliendone tutte le opportunità di sviluppo; integrare, rendere sinergiche e focalizzare le attività di business e canale nel Paese Italia.

Nei prossimi tre anni lo sviluppo punterà da un lato a perseguire obiettivi di redditività e di creazione del valore, e dall’altro a sviluppare l’area di business e il formato Spizzico a livello globale. Dalla ricognizione sui cambiamenti organizzativi, appare evidente l’intenzione di centralizzare i livelli decisionali potenziando la capacità operativa per Paese, istituendo poi funzioni innovative nel livello top come l’organizzazione e risorse umane e il licensing destinato alla ricerca e sviluppo di nuove concept a livello internazionale.

Pertanto, secondo la nuova struttura organizzativa, riportano direttamente all’amministratore delegato del Gruppo Autogrill, Livio Buttignol, la Direzione generale Europa (guidata da Giovanni Caruso), la Direzione generale HmsHost (la controllata per Usa e Asia-Pacific guidata da Jack McCarthy), la Direzione generale finanza e controllo (finanza, investor relation, amministrazione, controllo e reporting, area legale, tutte attività gestite da (Carmine Meoli), la Direzione information technology (Aldo Papa), nonché le nuove strutture: la Direzione licensing (studio e implementazione concept/brand portfolio) e la Direzione organizzazione e risorse umane (gestione top 100 executive, sviluppo 100 alti poteziali, politiche delle risorse umane emacro-organizzazione).

Inoltre — come sottolineano in Autogrill— riportano direttamente all’amministratore delegato le seguenti funzioni: Internal auditing (Silvio De Girolamo); Relazioni esterne e comunicazione (Antonella Zacchetti); Rapporti istituzionali (Giuseppe Cerroni).

Alla Direzione generale Europa riferiscono direttamente le Direzioni generali di Benelux, Francia, Italia, Spagna, Svizzera, Austria e Germania, Grecia. Inoltre è previsto il coordinamento di funzioni operative trasversali comuni ai country manager (marketing, piattaforma aeroporti/stazioni, piattaforma autostrada, sistemi e metodi comuni, area tecnica). Previsto, inoltre, il coordinamento di strutture funzionali con responsabilità di livello europeo, che mantengono presidi funzionali in un singolo Paese: Direzione acquisti (Italia/Europa); Direzione Logistica (Italia/Europa); Direzione Risorse umane (Italia/Europa); Quality management (Francia/Europa); Information Technology Europa.

La Direzione generale Italia (gestita da Luca Rossetto) coordinerà varie funzioni: acquisti; la business unit della ristorazione veloce nelle città e nei centri commerciali; logistica; marketing; attività in concessione; risorse umane; sviluppo; controllo di gestione; qualità e sicurezza. La nuova business unit della ristorazione veloce in città e centri commerciali avrà proprie funzioni: operazioni, marketing, sviluppo e controllo di gestione.

Pertanto la nuova organizzazione si articola su tre grandi livelli. Il livello Corporate è coordinato dall’amministratore delegato cui risponde il livello continentale (Europa da un lato e Stati Uniti con Asia-Pacific dall’altro, in quest’ultimo caso l’unità operativa è la controllata HmsHost); le unità operative a livello Paese o area europea sono a loro volta coordinate dalla Direzione generale Europa.

Lunedì 5 Marzo 2001