Benetton rallenta dopo nove mesi

15/11/2002




          15 novembre 2002
          Benetton rallenta dopo nove mesi


          MILANO – Fatturato dell’abbigliamento in lieve crescita, fatturato complessivo in leggero calo a 1.461,3 milioni di euro, utili in flessione marginale (-1,9%), autofinanziamento in crescita a 264 milioni di euro: sono questi i risultati più significativi del gruppo Benetton al 30 settembre, approvati ieri dal consiglio di amministrazione. I ricavi consolidati dei primi nove mesi si attestano a 1.461,3 milioni di euro da 1.518,1 milioni dell’analogo periodo del 2001 (-3,7%), con una contrazione legata al previsto ridimensionamento del fatturato del settore sport e al deconsolidamento delle attività di Color Service (gruppo Olimpias) che aveva contribuito per circa 12 milioni di euro al fatturato del gruppo. Di segno positivo l’andamento del settore casual cresciuto a 1.169,9 milioni di euro (+0,7%). L’utile netto dei primi nove mesi si attesta a 83,7 milioni di euro, in calo marginale (-1,9%) rispetto agli 85,4 milioni registrati nellanalogo periodo del 2001, valore influenzato, oltre che dall’andamento dei ricavi, dall’aumento del tax rate salito al 43% nel periodo (40% nei primi nove mesi del 2001). Il margine lordo industriale sale al 44,3% del fatturato a 647,8 milioni di euro, rispetto al 42,9% registrato nei primi nove mesi dello scorso esercizio, grazie alla politica di contenimento dei costi messa in atto nel periodo e alla politica commerciale focalizzata al miglior posizionamento dei prodotti sul mercato. Nei primi nove mesi dell’anno sono stati effettuati investimenti complessivi per quasi 120 milioni di euro dei quali oltre due terzi rivolti al proseguimento della strategia di acquisizione, ammodernamento e riqualificazione di immobili destinati alle attività commerciali. L’autofinanziamento generato dal gruppo è salito a 264 milioni di euro, rispetto a 246 milioni dello scorso anno. Nonostante i significativi investimenti effettuati, l’indebitamento netto scende a 810 milioni di euro contro gli 845 milioni registrati al 30 settembre 2001. Il patrimonio netto al 30 settembre 2002 si è attestato a 1.239 milioni di euro. Per quanto riguarda il terzo trimestre 2002, i ricavi si attestano a 459,6 milioni di euro contro i 474,3 milioni del terzo trimestre del 2001; il margine lordo industriale si attesta al 42,4%; l’utile netto è pari a 24,1 milioni di euro. Il consiglio di amministrazione, inoltre, ha adottato il codice di comportamento (secondo il regolamento dei mercati della Borsa Italiana Spa) e il codice etico. L’andamento gestionale del gruppo al 30 settembre 2002 – sottolinea la nota del gruppo di Ponzano veneto – lascia prevedere per fine anno, tenuto conto dei consumi nel panorama internazionale, ricavi in leggera flessione rispetto alle aspettative del gruppo, che non consentiranno il raggiungimento di risultati in linea con quelli dell’esercizio precedente.