BCD Travel Italy, aggiornamento Cigd Covid19, esito incontro 06/05/2020

Roma, 7 maggio 2020

Il giorno 6 maggio abbiamo incontrato al direzione di BCD Travel per verificare la possibilità di rimodulare l’intervento aziendale in favore della continuità di reddito dei lavoratori come previsto dall’accordo del 2 aprile 2020.

Su nostra sollecitazione l’azienda ha predisposto un nuovo piano di anticipazione dei ratei di quattordicesima, riconoscendo un anticipo inversamente proporzionale alle ore lavorate, ovvero un importo più consistente per coloro che hanno lavorato meno ore nel mese di aprile per ragioni tecnico organizzative (mancanza di strumenti o connessione internet).

L’anticipo dei ratei è comunque subordinato al maturato individuale (per chi è stato assunto dopo giugno 2019 o per chi ha usufruito di periodi di aspettativa da questa data, i ratei non sono maturati pienamente, e pertanto si vedrà riconosciuti gli importi fino alla capienza del proprio maturato).

Resta confermato l’impianto condiviso nell’accordo del 2 aprile che prevede una ulteriore tranche di pagamento dei ratei nel mese di maggio, sempre nel limite del maturato individuale (chi ha esaurito i ratei ad aprile non potrà quindi avere ulteriori anticipi sulla mensilità di maggio). Il tutto nell’auspicio che nel frattempo l’INPS proceda nei pagamenti dei trattamenti di integrazione salariale dovuti.

L’incontro è stato utile anche per un aggiornamento sulle prospettive aziendali: ad oggi infatti non è possibile prevedere una riapertura delle sedi operative, sia per le previsioni governative, sia per il blocco del mercato del business travel. L’attività residuale continuerà pertanto ad essere gestita attraverso lo smartworking.

Abbiamo comunque condiviso la necessità di procedere sulle predisposizione delle misure di contenimento e prevenzione del COVID19, pertanto nelle prossime settimane attiveremo il comitato previsto dal protocollo del 24 aprile 2020 tra Governo e Parti sociali al fine di aggiornare i protocolli di sicurezza aziendali.

p. La Filcams Cgil Nazionale
Luca De Zolt