Bari. Chiude la Mongolfiera, rivolta a Foggia

01/10/2004

          BARI

            venerdì 1 ottobre 2004

            Pagina X – Bari
            La decisione della Coop estense dopo il provvedimento della magistratura: "Impossibile proseguire l´attività di vendita"
            Chiude la Mongolfiera, rivolta a Foggia
            "Ampliamento illegittimo", sequestrato l´iper. Dipendenti in corteo
            ILARIA FICARELLA
            Da questa mattina, l´ipermercato "Mongolfiera" di Foggia resterà chiuso. E i dipendenti, insieme ai soci foggiano della Coop Estense scenderanno in piazza per protestare contro il provvedimento di sequestro emesso dalla magistratura. Illegittimo è stato considerato l´ampliamento del centro commerciale, che riguarda sia la galleria che lo spazio di vendita dell´ipermercato. Contro la decisione di bloccare i lavori, ieri i legali della Coop hanno presentato istanza di dissequestro al Tribunale del riesame, dal quale ora si attende, in tempi brevi, una risposta sulla vicenda. Come spiega una nota della società, "il provvedimento della magistratura, di per sé, non interessa l´area di vendita dell´Ipercoop, aperto nel 1997, tuttavia di fatto impedisce di proseguire l´attività". L´area sottoposta a sequestro infatti, comprende anche l´ingresso all´ipermercato, la zona in cui si trovano le uscite di sicurezza, e i piazzali di carico e scarico delle merci. "Di conseguenza – spiegano dalla Coop Estense – non sarà consentita la prosecuzione dell´attività lavorativa dei 260 dipendenti diretti e delle decine d´imprese di servizio collegare. Per tutti questi lavoratori significherà la perdita del posto di lavoro".

            Le opere di ampliamento del centro commerciale erano state quasi completate – l´inaugurazione era infatti prevista per i primi di ottobre – quando lo scorso 16 settembre è stato notificato l´atto di sequestro, motivato da vizi nelle procedure di autorizzazione. La Coop ribatte che tutte le procedure urbanistico-amministrative sono state rispettate e esprime "sconcerto per il fatto che, per la prima volta in Italia, siamo di fronte a un provvedimento che non colpisce un ipermercato appena aperto, ma uno in attività ormai da anni". Pur confermando la "fiducia nell´operato della magistratura giudicante", la società ha presentato ieri istanza al Riesame. E nel frattempo si è impegnata a "sollecitare tutti i soggetti interessati" e a "condurre tutte le azioni utili alla tutela delle ragioni dei 40mila soci foggiano, proprietari dell´immobile e alla difesa dei posti di lavoro, creato con considerevoli investimenti e con gli sforzi gestionali di quasi dieci anni d´impegno e di attività". Dunque, questa mattina, saranno i dipendenti e i soci della Coop a scendere in piazza. Si daranno appuntamento nel piazzale della stazione ferroviaria di Foggia per una manifestazione e un corteo, organizzati con il sostegno di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, insieme al Comitato soci di Foggia della Coop Estense.