Bacio a un´operaia: Berlusconi in Russia imbarazza Putin

26/04/2004


VENERDÌ 23 APRILE 2004
Pagina 14 – Interni
 
 
IL RETROSCENA
L´episodio nella nuova fabbrica Merloni
Bacio a un´operaia
Berlusconi in Russia imbarazza Putin

"Kommersant": la giovane prima si è ritratta, poi si è rassegnata
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
GIAMPAOLO VISETTI


    mosca – Una giovane operaia russa ha respinto le effusioni di Berlusconi e poi gli ha negato anche un bacio. E´ accaduto mercoledì durante la visita del presidente del Consiglio al nuovo stabilimento della Merloni a Lipetsk, quattrocento chilometri a sud di Mosca. L´episodio, avvenuto sotto gli occhi sbigottiti del presidente Putin, è stato rivelato ieri in prima pagina dai giornali russi, che lo hanno definito «una ridicola gaffe». Era sfuggito alla stampa internazionale: mentre i due leader passeggiavano lungo la catena di montaggio, i giornalisti erano già in attesa nella sala della conferenza stampa ufficiale. Tutti eccetto uno, l´inviato dell´autorevole Kommersant. Secondo il lungo racconto pubblicato ieri, Berlusconi e Putin camminavano nei reparti della nuova fabbrica di frigoriferi. La scena è stata filmata anche da alcune tivù. «Il premier italiano era particolarmente attivo – scrive il notista al seguito del Cremlino – ed era chiaro che aveva un obbiettivo. Era evidente che non sarebbe stato contento se non fosse riuscito ad avvicinarsi ad un gruppo di operaie». Ottenuto lo scopo, Berlusconi si è rivolto a Putin e gli ha sussurrato che voleva «scegliere e baciare la lavoratrice più brava e più bella». Il presidente russo è rimasto perplesso e non ha risposto. «In realtà – scrive Kommersant – Berlusconi aveva già individuato la sua vittima». Si è avvicinato ad una «donna grande come la Sardegna e con tutto il corpo ha fatto il gesto tipico dei teppisti negli androni bui dei cortili, quando importunano una ragazza che rincasa». La giovane operaia si è ritratta d´istinto e, nell´imbarazzo generale, ha cercato di spostarsi dietro altre colleghe. «Ma il signor Berlusconi – prosegue il cronista russo – in passato deve aver fatto esperienza con donne anche più rapide di questa: con due salti ha raggiunto la ragazza e ha iniziato spudoratamente a baciarla in faccia».
    L´operaia, senza una parola, ha opposto resistenza: poi, impassibile, si è rassegnata alle effusioni senza nascondere il proprio disagio. Infine, con il volto tirato, si è rifiutata di ricambiare un bacio. Tra i presenti è sceso il gelo. Putin non ha assecondato l´invito di Berlusconi di stare al gioco. «Il premier italiano – secondo Kommersant – allora ha scosso l´operaia ridendo: qualcuno ha temuto che volesse magari stenderla sul pavimento». Chiuso il siparietto nell´incredulità di tutti, i due presidenti hanno quindi raggiunto rapidamente la sala dove si trovavano i giornalisti. Berlusconi ha raccontato di aver fatto una gara «con l´amico Vladimir» per baciare la più brava e la più bella della Merloni. «Naturalmente – ha aggiunto – ha vinto lui». Putin ha fatto una smorfia e non ha raccolto la battuta. Solo ieri, dopo la rivelazione del retroscena, il riferimento berlusconiano è diventato comprensibile a tutti. Parlando del «teatro di un premier», i quotidiani russi hanno notato che al capo del Cremlino i giochetti pesanti e i continui scherzi di Berlusconi non piacciono più. E che sempre più spesso, pur nella cordialità costruita in una decina di incontri, Putin dimostra ormai pubblicamente di non gradire «l´esuberanza eccessiva dell´amico Silvio».