Azionariato alla Carrefour: prime intese con i sindacati

15/09/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)

Venerdì 15 Settembre 2000 italia – lavoro
Azionariato alla Carrefour: prime intese con i sindacati

ROMA Anche i dipendenti italiani potranno sottoscrivere le azioni del gruppo Carrefour (che in Italia controlla il Gruppo Gs) offerte, nell’ambito del maxipiano di vendita, a tutti coloro che lavorano nel gruppo a livello globale. Il progetto è stato giudicato positivamente dai sindacati Filcams, Fisascat e Uiltucs.

L’offerta di sottoscrizione è lanciata dalla consociata Carrefour Lux, appositamente costituita, e prevede che ogni dipendente può investire fino al 2,5% della retribuzione lorda. La somma sará integrata da un finanziamento bancario pari a nove volte il valore sottoscritto da ogni lavoratore; per l’operazione sará deliberato un apposito aumento di capitale.

Dopo cinque anni il dipendente-azionista potrá ritirare il capitale investito (garantito anche in caso di decremento del titolo) e il 50% dell’incremento di valore delle azioni Carrefour riferito all’intero investimento. Il meccanismo consente, in caso di raddoppio del valore del titolo, di incrementare il capitale personale di 6/7 volte. È stata inoltre prevista, su richiesta dei sindacati, anche la possibilitá di utilizzare nell’investimento una quota del Tfr.

Intanto stenta a decollare il fondo pensione integrativo di categoria, al quale ha aderito solo il 6% dei dipendenti di Carrefour-Gs, una quota comunque elevata rispetto ad altre aziende della grande distribuzione.