Autogrill – Esito Coordinamento 24/05/2012

Roma, 29 maggio 2012

Come ben sapete lo scorso 24 maggio si è tenuto il coordinamento Autogrill, convocato per fare il punto sulla situazione aziendale.

L’introduzione ha posto alcune considerazioni di carattere generale relative alle condizioni di crisi economica e politica che stiamo attraversando, evidenziando come anche il nostro settore ne è coinvolto.

Si è rimarcato quanto sia l’importante investire nei nostri settori, che riteniamo essere strategici per fare uscire dalla crisi il nostro paese, sopratutto attraverso riforme serie, che guardino ad una reale strategia politica e non esclusivamente ad una politica di tagli.

Quindi si è evidenziato come Autogrill entri a pieno titolo in questi settori, soprattutto per il peso e il ruolo che sempre più assume, anche sul piano Internazionale.

Proprio per queste ragioni si è rimarcato come la scelta unilaterale dell’Azienda di avviare procedure di mobilità in diversi territori come Roma, Bologna, Milano, Brescia e gli ulteriori licenziamenti messi in atto a Livorno, sia stata una scelta inaccettabile, non solo per la messa in discussione dei posti di lavoro, ma perché questo comportamento potrebbe prefigurare una messa in discussione dell’assetto contrattuale in materia di cambi di gestione.

Per contrastare quanto sopra, abbiamo puntualizzato le riuscite iniziati di lotta messe in campo, dovute anche al fatto di aver chiamato in causa le Associazioni Datoriali e coinvolto le Istituzioni locali. Così come abbiamo ritenuto opportuno interessare e coinvolgere le Forze politiche a tutti i livelli, che con l’interrogazione Parlamentare presentata dal Deputato Peluffo del P.D alla Camera (di cui alleghiamo copia), hanno contribuito nel rimuovere la posizione strumentale dell’Azienda, facendo gli fare qualche passo indietro.

Di fatto alcuni primi risultati si cominciano a vedere, come l’accordo raggiunto in Regione Lazio, riguardante il punto vendita del Centro Commerciale La Romanina, dove si è trasformata la procedura di Mobilità in Cigs, con l’impegno di attivare un tavolo, al fine di favorire la ricollocazione dei lavoratori coinvolti, cosi come chiesto fin dall’inizio dalle OO.SS.

Auspichiamo che tali soluzioni si possano definire nei prossimi incontri, già programmati, nelle altre Regioni interessate.

Inoltre si è evidenziata la necessità di applicare una politica organizzativa sindacale, più rispondente alle sfide che ci vedono coinvolti a rappresentare più compiutamente i lavoratori.

Per questo si è ribadito che sempre più vi è la necessita di un maggior coinvolgimento e coordinamento di tutto il gruppo dirigente, il quale deve sentirsi impegnato nel costruire una politica sindacale più rispondente alle sfide che ci vedono coinvolti, partendo da una seria discussione sul lavoro che devono svolgere le Commissioni istituite in Azienda.

Dal dibattito sono state altresì rimarcate le difficoltà che oggi vivono i lavoratori, sia nell’azienda che nella società.

E’ stato riproposto il problema legato alla sicurezza, in modo particolare nei punti di ristoro autostradali e soprattutto durante i turni notturni, dove spesso vedono impegnate lavoratrici donne a svolgere il proprio orario di lavoro in solitudine. Su questo tema, è stato valutato come potrebbero le Commissioni previste sia in materia di Sicurezza che quella relativa alle “Pari opportunità” affrontare la questione.

Dalla discussione è emersa la necessità, di una maggiore formazione, attraverso seminari e piani formativi specifici, per essere in grado di gestire al meglio la Contrattazione vigente e quella futura.

Inoltre, alla presente alleghiamo la documentazione inviataci dall’Azienda in merito al premio di produttività per ogni punto vendita relativo all’anno 2011, comunicandovi che l’incontro in merito è stato programmato per il giorno 19 p.v. alle ore 11.00.

Sarà nostra premura comunicarvi il luogo appena possibile.

Tale incontro, sarà per noi l’occasione per riaffermare all’Azienda la necessità di dare seguito alla discussione sul rinnovo del CIA.

p. la Filcams Cgil Nazionale

Lucia Anile

Allegati : Interrogazione Parlamentare