Autogrill esce da Pastarito

21/10/2003

MFBorse & Borsini
Numero
208, pag. 10 del 21-10-2003
Autogrill cede il suo 11% ed esce da Pastarito
Nuovo accordo negli Usa


Autogrill esce da Pastarito. La società controllata da Edizione Holding (
Benetton) ha ceduto il proprio 11,7% al presidente e principale azionista della società di ristorazione, Giancarlo Vigo, il quale così sale al 100% del capitale. Non sono stati resi noti i termini economici del passaggio della quota ma, secondo i patti parasociali di Pastarito, i soci storici avrebbero potuto riacquistare la partecipazione Autogrill «a un corrispettivo pari a quanto originariamente percepito, rivalutato a un tasso composto annuo del 9%». Autogrill era entrata in Pastarito nel marzo 2002 acquistando il 21,61% per 14,9 milioni di euro e la quota si è poi diluita all’11,7% dopo l’aumento di capitale, chiuso a settembre, non sottoscritto da Autogrill. Stando alla clausola contenuta nei patti parasociali, dunque, il valore della transazione potrebbe essere superiore ai 15 milioni di euro, ma non è affatto escluso che tra le parti sia stato raggiunto un accordo diverso, vista la volontà di Autogrill di uscire dall’investimento.

Pastarito ha chiuso l’esercizio 2002 con una perdita netta di 1,9 milioni di euro a fronte di un patrimonio netto di 3,9 milioni. Il nuovo piano industriale prevede la cessione di alcuni punti vendita e asset non strategici, per concentrare tutte le attività nel core business della ristorazione cittadina. Attraverso l’ultimo aumento di capitale sono state ripianate le perdite pregresse, ma non è esclusa la necessità di fare ricorso a una ulteriore iniezione di liquidità. Nei primi giorni di novembre, infatti, sono in programma due assemblee; una dovrà nominare il nuovo consiglio d’amministrazione, la cui composizione cambierà alla luce dell’uscita di Autogrill, mentre la seconda assemblea è stata convocata per prendere atto della situazione patrimoniale al 30 settembre scorso e adottare i «provvedimenti conseguenti». Nel prossimo futuro sono possibili anche nuovi movimenti a livello di azionariato, visto che sarebbe già partita la ricerca di un nuovo socio da fare entrare nel capitale in sostituzione di Autogrill.

Infine, Autogrill ieri ha comunicato che, tramite la controllata HmsHost, si è aggiudicata un nuovo contratto per la gestione delle attività food&beverage e retail in sette aree di servizio sulla Illinois Tollway. L’accordo ha una durata di 15 anni e i ricavi previsti per il periodo superano i 185 milioni di dollari. In ognuna delle sette aree di servizio saranno presenti due punti vendita con insegna Starbucks Coffe e Travel Mart.