Auchan Retail SMA, esito incontro 13/04/2017

Roma, 14 aprile 2017

Testo Unitario

Il 13 aprile è ripreso il confronto con Auchan Retail in merito alla rinegoziazione del contratto integrativo Sma Simply.

In apertura l’azienda ha puntualizzato come la disdetta del CIA, formalizzata alle Segreterie Nazionali il 28 marzo, non debba essere intesa come un atto di ostilità ed ha ribadito la volontà di conoscere le istanze e le osservazioni di merito delle Organizzazioni Sindacali.

Abbiamo pertanto chiarito come la salvaguardia occupazionale e il miglioramento delle condizioni di lavoro degli addetti debbano essere l’obbiettivo condiviso di questo negoziato.

L’attuale contratto integrativo prevede capitoli ancora sostanzialmente attuali (relazioni sindacali, diritto di informazione, organizzazione del lavoro) che possono essere oggetto di interventi migliorativi volti ad aggiornarne alcuni aspetti alla luce dei cambiamenti che la progressiva implementazione del piano commerciale comporterà.

Su Franchising, Merchandising e Appalti abbiamo invece chiesto che le attuali disposizioni contrattuali vengano aggiornate introducendo più incisivi livelli di tutela nei rapporti di lavoro, nei contratti collettivi da applicare da parte dei fornitori/ licenziatari, e sollecitando un ruolo attivo della impresa nella soluzione di eventuali problematiche riguardanti i lavoratori coinvolti, aldilà del legame puramente commerciale che esiste fra Sma Simply e le altre imprese che operano nei negozi o li gestiscono.

In merito al salario variabile abbiamo rilevato come esso debba essere di più semplice comprensione per aumentare la partecipazione diretta delle maestranze; abbiamo offerto disponibilità a ragionare di diversi indicatori anche più spiccatamente qualitativi ed eventualmente diversamente distribuiti (azienda, punto di vendita, reparto).

La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro deve divenire patrimonio di tutti; pertanto abbiamo invitato la direzione a riflettere su materie importanti come lo stress da lavoro correlato, o se le agibilità e gli strumenti attualmente a disposizione degli RLS siano ancora sufficienti a garantire appieno lo svolgimento del loro ruolo.

Tutela della maternità, della paternità, della disabilità, regolamentazioni dei congedo in presenza di unioni civili, sono infine temi che potrebbero trovare adeguata cittadinanza nel nuovo contratto integrativo aziendale aumentandone il valore sociale.

L’azienda pur riservandosi un approfondimento su tutti i punti posti al tavolo dalle organizzazioni sindacali ha chiesto venisse aperta una discussione sul tasso di assenteismo (mediamente del 4,5 %) e sulla modalità di gestione del lavoro domenicale e festivo; riguardo al premio di risultato ha espresso la necessità che lo stesso sia realmente legato agli andamenti economici aziendali (positivi o negativi).

L’incontro si è chiuso con l’impegno di Auchan Retail a presentare nel corso del prossimo incontro una proposta complessiva e dettagliata che includa anche risposte alle sollecitazioni pervenute sul piano sindacale.

La trattativa riprenderà il 18 maggio a Bologna con inizio alle ore 10.30

p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale
Cristian Sesena