Auchan Retail, Conad, esito incontro MiSE 23/07/2019

Roma, 23 Luglio 2019

Il Mise ha aperto i lavori dando continuità al confronto ultimo del 20 Giugno 2019 in cui erano state illustrate alcune linee guida dell’operazione di passaggio attraverso la cessione delle quote aziendali. Nello stesso incontro erano rimasti aperti molti aspetti tra cui i tempi della chiusura della cessione e dell’intervento dell’Antitrust.
Conad ha aperto l’incontro riepilogando gli step dell’operazione e annunciando che la cessione sarà conclusa il 31 Luglio, anticipando la scadenza preventivata anche al fine di arginare il prima possibile le perdite che la rete vendita continua ad accumulare. Conad dichiara inoltre che è stata depositata la notifica all’Antitrust e che lo stesso dovrebbe esprimersi entro ottobre 2019.
In queste settimane Conad sta analizzando i vari aspetti economici ed organizzativi dell’impresa e si pone l’obiettivo di intervenire il prima possibile sulla catena dei costi agendo innanzitutto sui costi di locazione e contemporaneamente conferma la volontà di avviare una prima fase di integrazione dei punti vendita che sono in positivo verso le cooperative.
Conad infine propone di avviare una fase di confronto e negoziazione a livello aziendale con le organizzazioni sindacali che affronti le varie fasi del piano industriale, le modalità del cambio di modello di business, le regole per affrontare l’impatto del piano, la contrattazione collettiva, il passaggio dei punti vendita verso Conad, gli eventuali ammortizzatori sociali, la mobilità volontaria, la trasformazione dei lay out e delle superfici di vendita.
Le organizzazioni sindacali hanno dato la propria disponibilità a programmare incontri in sede aziendale ma precisando alcune priorità.
La Filcams CGIL si pone due macro obiettivi:
SALVAGUARDIA OCCUPAZIONALE – Conad deve iniziare ad entrare nel merito del piano industriale: ci sono molte criticità che devono essere immediatamente approfondite (sedi, logistica, sovrapposizioni, punti vendita in negativo). La discussione in sede sindacale non può che partire da queste priorità.
CENTRALITA’ DEL CONFRONTO NAZIONALE E RUOLO DEL MISE – il progressivo passaggio della rete vendita verso gli imprenditori facenti capo a Conad non può essere fatto in modo selvaggio, servono garanzie occupazionali e contrattuali per chi passa ma è ancora più importante mantenere centrale il governo dei livelli occupazionali di tutta l’impresa per evitare che le eventuali criticità restino isolate. L’esito dei confronti in fase sindacale dovranno necessariamente tornare alla verifica presso il Ministero dello Sviluppo Economico.
Il MISE ha confermato la volontà di voler verificare che l’operazione portata avanti da Conad garantisca il mantenimento a lungo termine dei livelli occupazionali. Le parti programmeranno nel mese di Agosto un nuovo incontro in sede sindacale sul quale vi comunicheremo data e delegazioni convocate.

p. la Segreteria Filcams CGIL Nazionale
Alessio Di Labio