ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE: 275 LAVORATORI DI ISOLA VERDE STABILIZZATI CON LA SOLIDARIETÀ ESPANSIVA

28/02/2013

28 febbraio 2013

Associazione in partecipazione: 275 lavoratori di Isola Verde stabilizzati con la solidarietà espansiva

È stata firmata a Firenze dai sindacati Filcams CGIL, NIdiL CGIL, Fisascat CISL e UILTucs l’ipotesi d’accordo grazie al quale saranno stabilizzati tutti i 275 associati in partecipazione attualmente impiegati presso i 135 punti vendita delle erboristerie Isola Verde in tutta Italia.
Grazie all’accordo, che utilizza lo strumento della solidarietà espansiva (così come previsto dalla l. 863/84), è stata evitata la chiusura di una ventina di punti vendita del gruppo, inizialmente paventata dall’azienda stessa, ed è stata garantita la continuità occupazionale a tutti i lavoratori attualmente impiegati con contratti di associazione in partecipazione.
In particolare, a fronte di una riduzione del 5% dello stipendio dei dipendenti di Isola Verde per un massimo di 24 mesi, ai 275 associati in partecipazione sarà offerta un’assunzione a tempo indeterminato con applicazione integrale del contratto collettivo nazionale, senza l’applicazione del periodo di prova e tenendo in considerazione l’anzianità sin qui maturata nell’inquadramento.
Quello sottoscritto con Isola Verde, se pur ancora in forma d’ipotesi, è il secondo accordo di solidarietà espansiva siglato in pochi giorni dalla CGIL, dopo che per la prima volta in Italia lo stesso strumento era stato usato per stabilizzare i collaboratori dell’Ifoa (Istituto di Formazione Operatori Aziendali), azienda nazionale con sede a Reggio Emilia. Si tratta infatti di un dispositivo particolarmente utile per favorire la stabilizzazione di rapporti di lavoro precario, che fa leva su una vera solidarietà fra “garantiti” e non, al di fuori delle strumentalizzazioni troppo spesso utilizzate in tempi recenti per tentare di ridurre i diritti di tutti. Questo importante strumento contrattuale andrebbe aggiornato ed esteso, per incentivare realmente la trasformazione dei rapporti di lavoro e includere nelle tutele i lavoratori precari.