Art. 2 L.P. 11 agosto 1998, n. 8 “Alto Adige Marketing”

L.P. 11-8-1998 n. 8
Modifiche di leggi provinciali e connesse variazioni al bilancio per l’esercizio finanziario 1998 (Volume 1).
Pubblicata nel B.U. Trentino-Alto Adige 1 settembre 1998, n. 36, I suppl. ord.

Art. 2
Alto Adige Marketing.
1. La Giunta provinciale è autorizzata a costituire una società di capitale che
abbia la competenza per il marketing turistico della provincia di Bolzano e che
- sfruttando in modo particolare le sinergie – abbia come obiettivo la
collaborazione con gli altri settori economici a livello promozionale. La
partecipazione della Provincia autonoma di Bolzano al capitale della società è
stabilita per una quota del 50 per cento fino ad un massimo di lire 300 milioni
(capitolo 12250). La restante quota del 50 per cento proviene dalla
partecipazione di associazioni, federazioni, nonché di enti pubblici, enti
privati e società. L’atto costitutivo e lo statuto della società di capitale
sono soggetti all’approvazione della Giunta provinciale.
2. La Giunta provinciale è autorizzata ad assegnare alla società un
finanziamento annuale e a mettere – gratuitamente o ad un canone di locazione
ridotto – a disposizione della stessa, in considerazione della sua funzione
pubblica, immobili, arredamenti ed attrezzature.
3. L’azienda provinciale per la promozione turistica di cui al capo I della
legge provinciale 18 agosto 1992, n. 33, verrà soppressa con decreto
dell’assessore competente in materia di turismo, che dovrà essere pubblicato sul
Bollettino Ufficiale della Regione. Da tale giorno la società subentra in tutti
i rapporti giuridici in atto dell’azienda provinciale. Con effetto dalla
soppressione dell’azienda provinciale per la promozione turistica è abrogato il
capo I della legge provinciale 18 agosto 1992, n. 33.
4. Il personale di ruolo che all’entrata in vigore della presente legge presta
servizio presso l’azienda provinciale per la promozione turistica, può optare
per un rapporto di lavoro di diritto privato con la costituenda società di
capitale. La società è tenuta ad assumere tale personale e a garantire al
medesimo, all’atto dell’assunzione e nel rispetto della qualifica funzionale, un
trattamento economico almeno equivalente a quello maturato presso
l’amministrazione provinciale ai fini del calcolo del trattamento di pensione.
Il personale di ruolo può optare, sino a sessanta giorni dalla relativa
comunicazione scritta, per l’assunzione da parte della società di capitale e ha
diritto nei sei mesi successivi alla riassunzione da parte dell’amministrazione
provinciale. La mancata risposta, entro il termine stabilito, da parte dei
dipendenti cui è stata inviata la comunicazione scritta vale quale decisione di
permanenza presso l’amministrazione provinciale. Il personale assunto dalla
società di capitale è autorizzato, ai sensi dell’articolo 5 della legge 8 agosto
1991, n. 274, ad optare entro novanta giorni, a pena di decadenza, per il
trattamento pensionistico dei dipendenti della pubblica amministrazione INPDAP.
In caso di cessazione del rapporto di lavoro con l’amministrazione provinciale,
ai dipendenti che hanno optato per il rapporto di lavoro con la società di
capitale verrà corrisposto il trattamento di buonuscita spettante ai sensi delle
relative disposizioni.
[5. (3)).
[6. (4).
7. La Giunta provinciale provvede alla diminuzione della dotazione organica
complessiva del ruolo generale in misura corrispondente alle unità di personale
che optano per il trasferimento alla società ai sensi del comma 4.
[8. L'efficacia delle disposizioni di cui ai commi 5, 6 e 7 decorre dalla data
di soppressione dell'Azienda provinciale per la promozione turistica di cui al
comma 3.] (5).
————————
(3) Modifica l’Allegato A della L.P. 23 aprile 1992, n. 10, poi abrogato
dall’art. 24 della L.P. 3 maggio 1999, n. 3.
(4) Modifica l’Allegato A della L.P. 23 aprile 1992, n. 10, poi abrogato
dall’art. 24 della L.P. 3 maggio 1999, n. 3.
(5) Comma abrogato dall’art. 24 della L.P. 3 maggio 1999, n. 1.