Apprendistato e malattia

Roma 12 settembre 2007

Oggetto: Apprendistato e malattia
Alle Strutture regionali e
Territoriali FILCAMS-CGIL

LORO SEDI

Testo Unitario

A seguito della legge finanziaria e della circolare n. 43/07 u.s., relativa alla copertura da parte da parte dell’Inps della malattia per gli apprendisti, le segreterie nazionali hanno posto un quesito all’Istituto, (vedasi circolare del 20 marzo u.s.), poiché non era chiaro se vi era il trattamento nel periodo compreso tra il 1° gennaio (decorrenza legge finanziaria) e il 21 febbraio (data di emanazione della circolare Inps).

L’INPS ha inviato un messaggio (in allegato) con il quale chiarisce, oltre al nostro quesito, anche altri aspetti:

1) per gli eventi morbosi insorti dal 1° gennaio al 20 gennaio 07: gli apprendisti che pur non avendo inviato all’INPS l’attestazione della malattia, ma che la abbiano inviata all’azienda, sulla base delle modalità previste dal contratti collettivi nazionali di lavoro, hanno diritto all’indennità giornaliera di malattia. Le aziende potranno quindi conguagliare, secondo le prassi in uso, il trattamento di malattia corrisposto, ovvero quello spettante a carico dell’Inps per tutti i lavoratori dipendenti.

2) In considerazione del fatto che vi sono contratti collettivi nazionali o di altro livello che hanno previsto (in assenza all’epoca di copertura Inps) delle quote a carico delle aziende, l’Inps precisa che tali quote sono ad integrazione del trattamento erogato dall’istituto. Ad esempio il CCNL terziario prevede i primi 3 gg per un massimo di sei eventi morbosi all’anno una copertura a carico delle imprese pari al 60%. Non essendovi erogazione da parte dell’Inps per i primi tre giorni, le aziende sono tenute a corrispondere l’integrazione. Per i periodi successivi, qualora le percentuali previste dai contratti nazionali superino la quota erogata dall’Inps, le aziende dovranno integrare la differenza.

Cari saluti.


p. FILCAMS.CGIL
Marinella Meschieri

All. Messaggio Inps 3-04-2007, n. 8615