Appalti Scuole, esito incontro Tavolo di Monitoraggio 01/04/2016

Roma, 1-04-2016

TESTO UNITARIO

si è svolto il 1 aprile 2016 l’incontro del tavolo di monitoraggio presso il Miur, per la definizione del riparto delle risorse relative agli ulteriori € 64mln definiti con l’accordo quadro del 08.03.2016 per la proroga dei lavori di "Scuole Belle". Il Miur ha informato tutte le parti al tavolo che il riparto delle risorse avverrà in due tranche, la prima a copertura 01.05.2016-15.06.2016 e la seconda per il periodo 15.09.2016-30.11.2016.

I motivi a sostegno della scelta sono determinati dalla condizione che all’avvio del nuovo anno scolastico, come sempre accade, le scuole vedono una riorganizzazione dei circoli didattici e/o di unificazioni, per cui il riparto fatto oggi per settembre potrebbe creare problemi nell’eventuale riassegnazione. Alla luce di quanto sopra il Miur ha predisposto l’assegnazione per la prima tranche, di €24 mln. Per la ripartizione sui lotti sono stati utilizzati indici che hanno tenuto conto dello storico dei riparti fatti per i periodi precedenti e del decremento dei lavoratori nei vari lotti a seguito delle uscite degli stessi e risultanti dai dati forniti dalle imprese in occasione dell’incontro alla Presidenza del Consiglio dell’8 u.s..

Il risultato del riparto per ciascun lotto, fino al termine dell’attuale anno scolastico, risulta il seguente:


lotto 1 569.514,91
lotto2 106.420,11
lotto 3 120.047,31
lotta 4 2.064.525,34
lotto 5 854.783,32
lotto 6 7.340.762,10
lotto 7 2.386.788,51
lotto 8 127.619,38
lotto 9 123.113,64
lotto 10 1.202.531,87
lotto 11 3.622.055,92
lotto 12 3.127.887,89
lotto 13 2.353.949,69

Fermo restando il periodo di riferimento della prima tranche, il Miur predisporrà il Decreto del Ministro per la prossima settimana per permettere che anche i lotti che oggi hanno esaurito i lavori di decoro possano comunque avviare i nuovi lavori di decoro.

Inoltre il Miur ha informato le parti che per il riparto della seconda tranche potranno essere inseriti indici correttivi rispetto a quelli utilizzati oggi, tenuto conto di quanto interverrà rispetto alla cig in deroga che dovremo discutere al Ministero del Lavoro prossimamente.

Vi informiamo che ad oggi abbiamo ricevuto la richiesta di attivazione della cig in deroga dalla quasi totalità delle imprese, vi ricordiamo che qualora aveste ricevuto le procedure solo a livello territoriale di farne pervenire copia alle strutture nazionali.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini