APPALTI STORICI – Circolare esito incontro Miur 18/04/2013 – Aggiornamenti Gara Consip

Roma, 19 aprile 2013

Oggetto: APPALTI STORICI
Circolare esito incontro Miur 18.04.2013 – Aggiornamenti Gara Consip

si è svolto il 18 u. s. il previsto incontro al Miur per gli Appalti Storici in funzione della necessità di predisporre il monitoraggio delle imprese e dei lavoratori occupati in tali appalti e per avviare la discussione sulla gestione dei cambi di appalto per effetto della gara Consip in corso.

Il monitoraggio si è reso necessario in quanto, a differenza degli Ex Lsu, gli appalti c.d. Appalti Storici vedono la presenza di una molteplicità di imprese che gestiscono i servizi e di conseguenza non vi è una precisa mappatura del personale, sia in termini di distribuzione dello stesso che di quantificazione delle ore lavorative.

Nel corso dell’incontro per avere un quadro preciso delle situazioni in essere si è definito di predisporre uno schema di raccolta dati da inviare alle imprese e agli Istituti Scolastici da compilare e restituirlo entro il 15.04.2013.

La discussione è proseguita sulle questioni che si prospettano per la gestione della gara Consip in corso, soprattutto sulla richiesta delle Organizzazioni Sindacali di prevedere che l’eventuale cambio di appalto non intervenga con l’avvio del nuovo anno scolastico al fine di scongiurare che le imprese operanti nei suddetti appalti non interrompano i rapporti di lavoro al 30.06.2013, rendendo inapplicabile l’art. 4 del CCNL Pulizie/Multiservizi.

Si è affermato tale necessità anche a fronte del ricevimento di una procedura di licenziamento collettivo da parte di un’impresa che opera negli Appalti Storici in Lombardia.

La discussione ha visto le imprese affermare, che salvo la certezza di proseguire nella gestione degli appalti anche con la ripresa del nuovo anno scolastico, saranno obbligati ad avviare le procedure di licenziamento collettivo a fronte di diversi fattori.

La considerazioni fatte dalle imprese a sostegno dell’avvio delle procedure sono state:

    -differentemente dall’anno scorso, attualmente i contratti di appalto terminano a tutti gli effetti il 30.06.2013 e se non c’è esplicita proroga da parte del Miur, gli Istituti considerano scaduti i contratti in corso in attesa della definizione dei nuovi contratti derivanti dalla gara Consip;
    -in tutti i casi le imprese intendono aprire le procedure, per effetto di quanto definito dalla vigente normativa in materia di licenziamenti collettivi derivante dalla legge Fornero e dalla giurisprudenza che si è affermata in materia di licenziamenti e cambio appalto, sostenendo che anche in tali casi le procedure vanno aperte.

In merito all’ultimo punto sopra richiamato, le Organizzazioni Sindacali unitamente al Miur, hanno fatto rilevare che il capitolato di appalto richiama in modo chiaro ed inequivocabile che i cambi di appalto dovranno avvenire attraverso l’applicazione dell’art. 4 del CCNL Pulizie/Multiservizi e quindi la posizione assunta è strumentale.

Di contro le imprese hanno dichiarato che loro si atterranno alle procedure previste dal capitolato e quindi attiveranno quanto previsto dalla norma contrattuale, ribadendo altresì che per le condizioni vigenti in materia e rappresentate, da diversi mesi unitamente all’avvio di procedura per cambio di appalto, attivano le procedure di licenziamento collettivo.

Inoltre, la rappresentanza delle aziende, ha dichiarato che evidenziandosi anche un possibile stacco temporale, tra la scadenza degli attuali contratti di appalto e l’avvio dei nuovi contratti, ritiene che non è possibile fare diversamente aggiungendo comunque che l’avvio delle procedure di licenziamento non necessariamente si tradurranno in effettivi licenziamenti, dato anche le tempistiche che queste richiedono.

Tale posizionamento da parte delle imprese ha visto una discussione molto accesa tra le parti, non solo riferita agli appalti in questione, ma sulla corretta applicazione contrattuale e normativa in materia di cambio appalto e licenziamenti collettivi, rivendicando da parte delle Organizzazioni Sindacali le impugnative delle procedure di licenziamento collettivo in caso di cambio appalto.

Mentre in riferimento alla prima considerazione, sulla necessità della certezza della proroga, le Organizzazioni Sindacali hanno richiesto e ribadito al Miur di definire una data di attivazione dei nuovi appalti successiva all’avvio del nuovo anno scolastico, anche al fine di togliere l’alibi alle imprese di avviare le procedure di licenziamento collettivo.

Il Miur ha sostenuto che definire una data posteriore all’avvio del nuovo anno scolastico per l’attivazione dei nuovi contratti di appalto è impossibile in termini di legge, in quanto se la gara alla data del 01.09.2013 è definitivamente aggiudicata e quindi si possono rendere efficaci i nuovi contratti, la proroga anche solo di un mese dei contratti di appalto in essere produrrebbe per l’amministratore pubblico gli estremi per un’azione penale nei suoi confronti.

Dato che ad oggi, per almeno due lotti, sicuramente il nuovo affidamento partirà dal 01.09.2013, a fronte di un’unica offerta ricevuta da Consip, il Miur non può procedere ad indicare una data differita.

Per meglio comprendere le questioni, nel corso del confronto è stato fatto un aggiornamento della fase a cui si trova la gara Consip.

Allo stato attuale è stata predisposta la graduatoria provvisoria degli aggiudicatari, che entro il 23 p. v. dovranno presentare i giustificativi delle offerte per la verifica delle anomalie.

Nell’arco di una decina di giorni Consip, sulla base della disamina della documentazione, produrrà la graduatoria definitiva e nel 35 giorni successivi potranno essere depositati i ricorsi.

E’ del tutto evidente che per i due lotti ad offerta unica la graduatoria definitiva non vedrà ricorsi e quindi Consip potrà procedere almeno per queste due realtà a sottoscrivere i relativi contratti di appalto e renderli esecutivi dall’avvio del nuovo anno scolastico. Mentre è presumibile che per gli altri lotti, che vedono una pluralità di offerte, potranno esserci ricorsi che tarderanno la sottoscrizione dei nuovi contratti di appalto rendendo necessaria la proroga degli attuali contratti in essere.

Il Miur per effetto dello scenario sopra descritto ha appunto affermato che non può decidere il differimento della data di avvio dei nuovi appalti, ma ha altresì affermato che laddove verrà predisposta la proroga degli attuali appalti e le imprese uscenti avessero nel frattempo attivato i licenziamenti a queste non verranno riconosciute le proroghe, per il venire meno del rispetto del contratto in corso e saranno escluse, assegnando le realtà interessate ad altre imprese con la conseguente presa in carico del personale ivi occupato.

Per effetto di tutte le variabili derivanti dalla situazione sopra illustrata si è deciso di aggiornarsi al 23.05.2013, visto che a tale data si dovrebbe avere un quadro più preciso dello stato di avanzamento della gara Consip, dei dati del monitoraggio attivato e da parte del Ministero anche la presentazione degli accantonamenti Ata per il nuovo anno scolastico.

Differentemente da quanto intervenuto nei precedenti incontri le Imprese non hanno voluto sottoscrivere alcun impegno a non avviare le procedure di licenziamento collettivo, né ritirare quelle già ricevute dalle OO. SS..

Nonostante le pressioni da parte del Miur e delle Organizzazioni Sindacali, le Imprese hanno mantenuto la loro posizione, impegnandosi, solo verbalmente, che non avrebbero attivato fino al 23 maggio p.v. nessuna procedura.

Di conseguenza il Ministero ha sottolineato nel verbale, che stante la situazione, non ritiene vi siano le condizioni per attivare iniziative unilaterali da parte delle Imprese e delle Organizzazioni Sindacali.

Per parte sindacale abbiamo dichiarato che se dovessimo ricevere ulteriori avvii di procedure di licenziamento collettivo, in questo intervallo di tempo, ci riterremo liberi di attivare tutte le iniziative sindacali del caso.

Vi terremo tempestivamente informati sull’evoluzione della situazione.

P. Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini

All. 1 Verbale Miur 18.04.2013