Appalti servizi di pulizia, ristorazione e manovalanza – Lettera al Ministro della Difesa 28-03-06

FILCAMS-CGIL FILT-CGIL FISASCAT-CISL FIT-CISL UILTUCS-UIL UILTRASPORTI- UIL
Segreterie Nazionali

                      Roma, 28 marzo 2006

Oggetto: Servizi di pulizia, ristorazione e manovalanza in appalto

On.le
Antonio Martino
Ministro della Difesa

On.le
Luigi Ramponi
Presidente Commissione Difesa
Camera dei Deputati

Ai Capi Gruppo

                          Commissione Difesa Camera e Senato


Ai Capi di Stato Maggiore
Esercito – Marina

          Loro Sedi

Le Scriventi Segreterie Nazionali, al seguito degli incontri con il Capo di Gabinetto del Ministro della Difesa riguardo la destinazione dei fondi stanziati dal Parlamento per le attività di pulizie, ristorazione e manovalanza in appalto, manifestano la loro preoccupazione riguardo l’assoluta insufficienza delle risorse assegnate a tali servizi dai Capi di Stato Maggiore delle diverse Armi.
Dalle comunicazioni ufficiali fornite alle scriventi risulterebbe che soltanto l’Aeronautica ha destinato per i servizi di Pulizia e Manovalanza la stessa quantità di risorse del 2005.
Per quanto riguarda l’Esercito le risorse per il 2006 ammonterebbero al 75% per le pulizie ed al 53% per la manovalanza rispetto all’anno precedente, mentre per la Marina le risorse previste per il 2006 sarebbero pari al 75% per le pulizie ed al 49% per la manovalanza.
Ancor più grave appare, a nostro parere, la decisione assunta dai vertici militari dell’Esercito di internalizzare il servizio mense in 14 battaglioni a partire dal 01 maggio 2006.
In contrasto con le strategie politiche di valorizzazione professionale dei militari vantate da codesto Ministero.Ciò comporterà il licenziamento immediato di centinaia di lavoratori.
Le Segreterie nazionali debbono, purtroppo, sottolineare che risulterebbero tuttora disattese che le assicurazioni fornite nelle diverse Sedi Istituzionali ed i contenuti dell’emendamento approvato dalla Camera dei Deputati nella seduta dell’ 8 marzo che assegnava al Ministro della Difesa ulteriori 100 milioni di Euro rispetto a quelli stanziati dalla legge cosiddetta “Milleproroghe”, impegnando lo stesso Ministro a garantire tra l’altro, la continuità dei servizi di manovalanza, ristorazione, facchinaggio e pulizie, salvaguardando l’occupazione dei lavoratori impegnati negli stessi servizi affidati in appalto.
Pur apprezzando la disponibilità al confronto espressa nel scorse settimane non si può non evidenziare il permanere di una drastica riduzione dell’occupazione nelle Forze Armate Esercito e Marina con conseguenze drammatiche sulle condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori impegnati oltre che sulla qualità dei servizi.
Le Segreterie Nazionali per le ragioni suesposte porranno in essere tutte le iniziative compresa la mobilitazione dei lavoratori a sostegno delle loro legittime aspettative .
Distinti saluti.

FILCAMS-CGIL FILT-CGIL FISASCAT-CISL FIT-CISL UILTUCS-UIL UILTRASPORTI-UIL
(C. Romeo) (R. Lamparelli ) (G.Pirulli) (A. Curcio ) (E. Fargnoli) ( U. Conti)
(C.Caravella)