Appalti Scuole, esito incontro Tavolo di Monitoraggio 28/04/2017

Roma, 2 maggio 2017

TESTO UNITARIO

il 28 u.s. si è svolto l’incontro del tavolo di monitoraggio presso il Miur per gli aggiornamenti relativi alla pubblicazione del Decreto Legge 50/2017 che ha normalizzato la situazione dei lotti sottoposti a revoca.

All’incontro erano presenti i rappresentanti del Miur, del Ministero del Lavoro, le Organizzazioni Sindacali e tutti i rappresentanti del sistema delle imprese che operano nei diversi lotti.

Il Miur ha introdotto la riunione informando le parti che dopo l’uscita del Decreto, che ha rimesso a sistema l’operatività in tutti i lotti della convenzione Consip Scuole, era in procinto di predisporre una nota da inviare agli Istituti Scolastici interessati dalla revoca per fornire informazioni di supporto sui contenuti del testo pubblicato.

Ricordiamo che il dispositivo di legge ha confermato la continuità dei servizi di pulizia e di ripristino del decoro alle imprese titolari dei contratti attuativi della convenzione Consip, quindi nel caso dei lotti sottoposti a revoca, alla RTI CNS-Kuadra e a Manutencoop, fino al 31.08.2017.

Nel proseguo dell’incontro si sono analizzati i diversi aspetti predisposti dalla normativa e principalmente si sono approfonditi i commi 1 e 2 dato che definiscono l’immediato proseguo dei servizi della convenzione Consip Scuole.

Il Miur ha chiarito che i contratti attuativi manterranno la loro efficacia, senza bisogno di essere nuovamente sottoscritti, perché confermati direttamente dal D.L..

L’unico aspetto che si modificherà sarà il valore dei servizi di fornitura principale (pulizie e ausiliariato) acquistati dalle scuole che, come predispone la norma, è definito sulla base del prezzo medio dei lotti regolarmente assegnati, pertanto il Miur nella nota indicherà i prezzi di acquisto dopo aver predisposto il nuovo "listino prezzi" unitamente a Consip.

I nuovi valori di acquisto potrebbero determinare prezzi inferiori ai contratti attuativi ante revoca, per cui il Miur darà disposizione che eventuali residui di risorse possono essere spesi per l’acquisto di servizi di pulizia e/o ausiliariato aggiuntivi fino a totale concorrenza delle cifre già destinate all’acquisto di tali servizi.

Rispetto alla suddetta condizione le OO. SS. hanno sottolineato che non vi devono essere modifiche degli attuali parametri lavorativi destinati ai servizi di pulizia e ausiliariato in quanto il Decreto Legge definisce in modo inequivocabile che devono essere mantenute le condizioni occupazionali e salariali in essere ante revoca.

Il Miur ha confermato quanto sostenuto dalle Organizzazioni Sindacali.

Le imprese per parte loro hanno suggerito al Miur che nella nota venisse specificato che, in luogo della possibilità di acquisti aggiuntivi, venisse inserito nella nota che le scuole procedessero immediatamente ad acquisti di servizi fino a concorrenza delle risorse a tale scopo destinate. Il Miur ha chiarito l’impossibilità a dare le indicazioni richieste dalle aziende perché si modificherebbe di fatto il contratto di fornitura principale già sottoscritto e conseguentemente si dovrebbe ricorrere ad una nuova stipula del contratto.

Nel corso della discussione è stato chiesto un chiarimento rispetto ai subappalti, in quanto la norma non prevede nulla per tale fattispecie e dato che gli stessi devono necessariamente essere autorizzati da Consip, all’oggi permangono i mancati rinnovi delle autorizzazioni di dicembre.

In teoria, con il proseguimento dei contratti di appalto alle imprese che avevano avuto la revoca, si dovrebbero ripristinare le condizioni del contratto di convenzione Consip pertanto le aziende titolari devono chiedere nuovamente l’autorizzazione per il subappalto.

Dopo una valutazione da parte del Miur, unitamente al Ministero del Lavoro, i due dicasteri hanno confermato che al momento non sussistono le condizioni per procedere al subappalto conseguentemente, in attesa di ulteriori chiarimenti, si manterranno i distacchi comandi attualmente in essere.

Relativamente ai lavori di ripristino del decoro il Miur ha confermato l’immediato sblocco delle risorse già ripartite con il Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione, dello scorso mese di febbraio, quindi invierà tali risorse alle scuole per procedere alla sottoscrizione dei contratti aggiuntivi di acquisto.

Il Ministero ha confermato che sussistendo, anche nei lotti soggetti a revoca, alcune province che hanno esaurito le graduatorie per il decoro, procederà ad attivare subito lo "sportello" per raccogliere le richieste con tale modalità per circa 20 giorni, così da permettere la destinazione completa delle risorse allocate.

In merito ai lavori di decoro le OO. SS. hanno chiesto un aggiornamento, per tutti i lotti, di quanto è stato effettivamente speso delle precedenti tranches a tale scopo, al fine di comprendere i residui e poter programmare le attività lavorative sia relative ai precedenti appostamenti, sia a quelli della nuova tranches, così da permettere l’intero recupero delle ore in negativo della banca ore entro il 31.08.2017.

Il Miur ha dichiarato che verrà fornito l’aggiornamento richiesto.

Rispetto ai commi 3 e 4 del Decreto, che definiscono le condizioni per l’acquisizione dei servizi di pulizia, ausiliariato e di ripristino del decoro post 31.08.2017, le Organizzazioni Sindacali hanno chiesto di dedicare un incontro specifico senza le imprese, ritenendo la loro presenza non corretta, dovendo approfondire come verrà definita la nuova gara di appalto con procedura d’urgenza per l’affidamento dei suddetti servizi per il nuovo anno scolastico 2017/2018.

Il Miur ha concordato con la proposta avanzata da Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil e provvederà a convocare un nuovo incontro nell’ultima settimana di maggio.

P. Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini