Appalti Scuole, esito incontro Tavolo di Monitoraggio 13/01/2017

Roma, 18 gennaio 2017



Il 13 u. s. si è svolta la riunione del Tavolo di Monitoraggio presso il Miur, a cui oltre al Ministero hanno partecipato i Consorzi, le imprese capofila e le Organizzazioni Sindacali.

L’incontro è stato convocato dal Miur a seguito dell’introduzione e dell’approvazione dell’art. 4 comma 5 del Decreto “Milleproroghe”, che prevede la proroga, per le scuole di Palermo, dell’assegnazione diretta della gestione dei servizi di pulizia e di ausiliariato alle cooperative sociali.

Il testo di legge uscito stabilisce che per la suddetta proroga sono stanziati € 15 milioni, pari al finanziamento riconosciuto finora allo stesso titolo.

Il Miur ha confermato che € 9 milioni rientrano nella dotazione del Ministero per l’acquisto dei servizi di pulizia e corrisponde al valore degli Ata accantonati sulle scuole coinvolte, mentre € 6 milioni derivano da un fondo di dotazione del MEF per il proseguo dei progetti per i lavoratori socialmente utili.

Stante quanto definito nel Decreto “Milleproroghe” il Miur ha dovuto rivedere il riparto delle risorse per Scuole Belle, uscendo dal perimetro le attività di decoro su cui occupare i suddetti lavoratori di Palermo.

Tale revisione delle risorse ha necessariamente richiesto la modifica del Decreto Ministeriale, producendo un ritardo nell’emanazione.

Altresì, il ritardo dell’uscita del Decreto del Ministro per il riparto, è determinato dalle mancate risposte da parte dell’Anac e dell’Avvocatura dello Stato relative ai quesiti posti dal Miur in merito ai lotti assegnati alla RTI CNS-Kuadra e Manutencoop, che vedono la convenzione Consip revocata, nonché gli effetti della revoca sui subappalti.

Il Miur ha confermato la volontà di predisporre in tempi brevi il Decreto Ministeriale, per non venire meno agli impegni assunti nell’accordo quadro raggiunto alla Presidenza del Consiglio il 04.11.2016.

Vista la necessità di accelerare i tempi di emanazione del Decreto, il Miur ha sollecitato l’ANAC sui quesiti posti ed ha confermato che per il 16.01.2017 è stato fissato l’incontro con l’Authority.

Ad oggi non abbiamo ancora riscontri in merito all’esito del suddetto incontro, comunque il Miur si è preso l’impegno di fornirci tutti gli aggiornamenti appena possibile.

Relativamente al ritardo dell’emanazione del Decreto Ministeriale, le Organizzazioni Sindacali hanno espresso una forte preoccupazione a fronte del blocco dei lavori di decoro che dovevano riprendere immediatamente dopo le festività natalizie.

Le stesse Organizzazioni Sindacali hanno e chiesto al Miur di valutare la possibilità di definire il testo del Decreto come suggerito dalla Direzione della programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali nella precedente riunione di dicembre u. s., cioè prevedendo il riparto correttamente su tutti i lotti con lo specifico richiamo all’attesa dell’esito del parere del Consiglio di Stato per i lotti interessati alla revoca della convenzione.

I rappresentanti del Ministero non hanno espresso contrarietà, salvo riservarsi di effettuare alcuni approfondimenti di merito per avere conferma della percorribilità della formulazione.

Sulla questione sorta sui rinnovi dei subappalti da parte delle singole scuole per i lotti gestiti da CNS-Kuadra, come scritto dalla Consip in assenza della proroga stipulata dalla stessa, il Miur ha sollevato molteplici perplessità e rispetto a tale tematica ha dichiarato che si attende una risposta nell’incontro convenuto con l’ANAC.

Successivamente agli aspetti trattati sopra il Miur ha dato lettura dei nuovi importi dei riparti per il decoro, che si allegano alla presente.

Ovviamente i Consorzi e le imprese capofila dei lotti che non sono interessate da revoche o disposizioni diverse da quella della normale prosecuzione della convenzione Consip, hanno lamentato che il ritardo che si stà producendo, mette a forte rischio l’operatività lavorativa per l’intero orario contrattuale degli addetti. Preoccupazione a cui hanno aderito anche le Organizzazioni Sindacali.

Sulla questione sollevata il Miur ha confermato di aver proceduto alla sostituzione nelle graduatorie delle scuole che hanno rinunciato ai servizi di decoro, così come aveva già definito nell’incontro di dicembre u. s.. Tale modalità ha permesso di riallocare risorse per le attività di decoro delle tranches precedenti per circa € 4.500.000, per il mese di gennaio, suddivisi tra i territori di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia.

Altresì il Ministero ha comunicato che da lunedì 16.01.2017 le scuole avrebbero ricevuto la nota di attivazione delle richieste di decoro a “sportello”.

Rispetto ai pagamenti delle fatture per i lavori eseguiti, il Ministero ha comunicato che il 20 p. v. procederà allo scarico dal portale dei lavori eseguiti negli ultimi mesi del 2016 e d’ora in avanti ogni 20 del mese effettuerà tale operazione in modo da poter essere più allineato nei pagamenti.

Vi terremo tempestivamente informati sull’esito dei chiarimenti che interverranno con ANAC.

                          p. Filcams Cgil Nazionale

Elisa Camellini