Appalti Scuole, esito incontro Tavolo di Monitoraggio 06/10/2015

Roma, 7 ottobre 2015


TESTO UNITARIO

si è svolta il 6 u. s. la riunione del tavolo di monitoraggio presso il Miur, come previsto dall’accordo quadro del 30.07.2015 ed in ottemperanza dell’accordo del 28.03.2014.

All’apertura dell’incontro il Miur ha illustrato quanto disposto dal decreto Legge 154/2015 in merito alle risorse destinate al completamento del programma “Scuole Belle” che definisce l’approntamento di:

    -€ 50 mln come da delibera Cipe del 06.08.2015 a valere sull’anno in corso;
    -€ 10 mln anticipati dal Miur ad agosto 2016;
    -€ 50 mln in quota al Ministero del Lavoro, che saranno decurtati dall’effettiva quota erogata per la Cig in deroga usufruita nel periodo luglio-settembre.

Inoltre per l’ulteriore copertura del periodo 2015, sono stati disposti € 60 mln ripartiti tra Governo, Miur e Mef come di seguito:

    ·€ 10 mln dal fondo sviluppo e coesione
    ·€ 30 mil in quota Ministero dell’Istruzione
    ·€ 20 mil dovranno essere stanziati dal MEF

Le risorse relative alla quota derivante dalla delibera Cipe verranno inviate alle scuole e saranno disponibili per gli acquisti del decoro a partire dalla prossima settimana, attraverso l’emanazione di apposito Decreto del Ministro dell’Istruzione che uscirà entro la settimana corrente.

I 50 milioni di euro che verranno inviati alle scuole con il sopracitato decreto, non vedranno alcuna decurtazione rispetto ai € 10 mln anticipati per agosto 2015.

I riparti a livello regionale, per i quali nei prossimi giorni sarà emesso il decreto Ministeriale, sono così definiti:

Abruzzo 1.864.401Basilicata 896.281Calabria 4.792.314
Campania 19.031.961Emilia Romagna 736.684Friuli Venezia Giulia 85.418
Lazio 4.332.645Liguria 145.404Lombardia 1.127.140
Marche 409.238Molise 228.936Piemonte 1.469.387
Puglia 7.646.001Sardegna 1.303.353Sicilia 4.444.095
Toscana 407.253Umbria 71.220Veneto 1.008.212

Mentre la quota di pertinenza del Mistero del Lavoro sarà resa disponibile entro il mese di ottobre, data la necessità di determinare i saldi della cassa integrazione effettivamente utilizzata e decurtare tali importi dai 50 mln di competenza del suddetto dicastero.

All’incontro del tavolo di monitoraggio il Ministero del Lavoro non era presente per impegni non derogabili e l’assenza non ha permesso di capire nel dettaglio il ricorso alla Cig in deroga, sia per quanto riguarda le quantità utilizzate, sia per eventuali difficoltà nell’elaborazione dei dati.

Come OO. SS., al fine di rendere più celere possibile l’approntamento delle risorse in capo al Ministero del Lavoro, abbiamo chiesto al Miur di avanzare la richiesta al Ministero del Lavoro stesso di anticipare quota parte dei 50 mln e predisporre sulla restante quota i conguagli rispetto alla Cassa utilizzata. Il Miur ha confermato che farà un passaggio con il dicastero del lavoro e ci aggiornerà.

Il Miur ha altresì informato le parti che il 5 u. s. ha svolto una conferenza dei servizi con gli USR per fare la verifica dei lavori di decoro relativi al 2014 che non sono stati effettuati e stilare l’elenco dei plessi in cui, entro il 15.12.2015, dovranno essere fatti gli ordinativi aggiuntivi per il completamento del piano “Scuole Belle”.

I risultati della verifica saranno disponibili tra una decina di giorni e conseguentemente alle imprese verranno fatti gli ordinativi aggiuntivi, che si aggiungeranno alle risorse della prima tranche del secondo semestre 2015.

A seguito dell’implementazione della piattaforma di rendicontazione gli USR e i presidi degli istituti capofila, potranno verificare lo stato avanzamento lavori, i pagamenti in corso da parte delle scuole, ecc., così da permettere agli stessi di avere sempre un quadro preciso della situazione relativa ai lavori di decoro.

Il Ministero dell’Istruzione nell’incontro ha fornito anche i dati sui pagamenti effettuati e quanto verrà liquidato alle imprese entro la fine del corrente mese di ottobre.

In sostanza restano da saldare alle imprese circa 17 milioni per il 2014, per i quali il Miur invierà nei prossimi giorni alle scuole € 5 mln, ed entro ottobre confida di saldare l’intera tranche, fermo restando i lavori di decoro da svolgere entro il 15.12.2015 sulle scuole che verranno “recuperate” attraverso la verifica in corso con gli USR.

Per la prima tranche 2015, ammontante complessivamente a € 130 milioni, al momento il Ministero ha già pagato circa € 33 mln ed in questi giorni ha già inviato ulteriori ordini di pagamento per circa € 27 milioni.

Avendo riscontrato lo stesso Ministero il ritardo nei pagamenti, della suddetta tranche, rispetto ai lavori conclusi e rendicontati, di fatto la quasi totalità, ha sollecitato gli USR ad attivarsi con le singole scuole per farle procedere nella liquidazione degli importi di loro spettanza, così da rendere possibile il saldo complessivo dovuto alle imprese per la fine di ottobre

Relativamente ai lavori di decoro svolti con le risorse messe a disposizione dal Miur per agosto u. s., € 10 milioni, verrà pagato alle imprese circa € 510.000.

Le OO. SS. hanno fatto rilevare al tavolo, ma soprattutto alle imprese, che a fronte degli importi che entro il mese di ottobre verranno liquidati alle stesse, vengano risolte le problematiche relative ai ritardi e/o mancati pagamenti delle spettanze dei lavoratori.

Nel prosieguo dell’incontro si è affrontato anche il tema relativo ai minori acquisti di servizi di pulizia da parte di un numero consistente di scuole, rispetto agli importi definiti dalla gara Consip, a seguito dell’interpretabilità delle disposizioni contenute nella circolare del Miur.

Rispetto alle richieste avanzate, sia da parte delle Organizzazioni Sindacali, sia dalle imprese, di procedere con ulteriori chiarimenti in merito da parte del Ministero, lo stesso si è reso disponibile a inviare nei prossimi giorni una seconda circolare che dettagli meglio alcuni aspetti.

Inoltre il Miur ha accordato di predisporre una giornata in cui verranno fatti confronti a livello di singola regione tra gli USR e le imprese, a cui potranno partecipare le rappresentanze regionali di Filcams, Fisascat, Uiltrasporti, per facilitare il riavvio dei lavori di decoro ed affrontare le diverse problematiche riguardanti i lavori di decoro già effettuati, avere il quadro delle scuole su cui completare il piano “Scuole Belle” 2014 e fare le necessarie verifiche dello stato degli ordinativi per i servizi di pulizia ed ausiliari.

Durante la riunione, le Organizzazioni Sindacali, hanno chiesto di affrontare alcune situazioni particolari relative al lotto 7 (Caserta-Avellino-Benevento) e al lotto 5 (Frosinone e Latina).

Rispetto al lotto 7 è stato fatto rilevare che permangono ancora gravi problemi derivanti dai contenziosi in corso tra le imprese e Consip, per le quali le scuole hanno bloccato la sottoscrizione dei contratti di acquisto dei lavori di decoro, dei servizi di pulizia e il pesante ritardo nei pagamenti delle fatture per lavori già effettuati che stanno vedendo le imprese coinvolte non liquidare complessivamente le spettanze dovute ai lavoratori, venendo meno agli impegni assunti con la sottoscrizione degli accordi ministeriali raggiunti.

In merito alla denuncia fatta, il Miur ha confermato di avere evidenza della situazione relativa alla sottoscrizione dei contratti di acquisto dei servizi, ma ha diversi problemi ad intervenire nel merito anche a seguito delle denunce depositate presso la magistratura da parte di alcuni presidi. Mentre con i pagamenti avviati entro la fine di ottobre, almeno la problematica dei ritardi di pagamento dovrebbe essere in buona parte risolta, compresa la ricaduta sui lavoratori.

Stante quanto dichiarato dal Miur abbiamo chiesto al Consorzio Ciclat di procedere nei confronti delle proprie imprese per il rispetto degli accordi raggiunti e avere certezze dei pagamenti delle retribuzioni nelle modalità previste dagli accordi stessi.

Il rappresentante del Consorzio ha dichiarato che non sono più in grado di reggere la situazione sul piano finanziario e pertanto si è riservato di dare risposte in merito a seguito della verifica di quanto interverrà nei prossimi giorni, sia sul piano dei pagamenti delle fatture, sia per l’incontro che farà con l’USR per far fronte alla mancata firma dei contratti da oltre il 50% delle scuole.

Per il lotto 5 si è rinnovata la denuncia attivata, unitamente al Miur, presso Consip rispetto alla quale lo stesso Ministero ha dichiarato di aver proceduto a rinviare la documentazione con ulteriori rilievi ricevuti dalle scuole, visto il cambio dei vertici di Consip, ma ha dovuto registrare che Consip ancora non ha agito nei confronti delle imprese e anche sul piano degli aspetti che riguardano i lavoratori non è intervenuta adducendo che non è materia di propria pertinenza.

Le OO. SS. hanno rappresentato che Consip deve intervenire per fare rispettare quanto previsto nel contratto di appalto che regolamenta anche gli aspetti lavorativi, informando il Miur che Ma. Ca. e Servizi Generali oltre a continuare a non pagare gli stipendi, nel mese di luglio e agosto hanno proceduto a trattenere le quote della banca delle ore a debito, riducendo i lavoratori alla disperazione per cui il 7 e il 9 p. v. sono stati proclamati gli scioperi territoriali.

Rispetto a quanto denunciato dalle OO. SS. il Miur ha lasciato intendere che se non interviene Consip e/o il Ministero del Lavoro su tali aspetti non ha molte possibilità di agire nei confronti delle due imprese.

Di fronte a quanto asserito dal Miur le Organizzazioni Sindacali hanno ricordato che gli accordi governativi raggiunti sono stati sottoscritti da tutte le parti interessate ed è di competenza dei soggetti ministeriali e governativi imporre il rispetto degli stessi, pertanto è stato ribadito che si agiranno tutte le iniziative possibili per far rispettare quanto sottoscritto.

Al termine dell’incontro si è programmata un’ulteriore riunione del tavolo per i primi di novembre, così da dare continuità al monitoraggio, diversamente da quanto accaduto negli ultimi mesi, e avere una ricognizione puntuale di quanto definito nell’incontro del 06.10.2015, oltre che procedere alla definizione dell’assegnazione dei € 50 mln depurati della cassa, in modo che siano resi disponibili per i lavori del mese di novembre e dicembre 2015.

p. La Segreteria Filcams Nazionale
Elisa Camellini