Appalti scuole, esito incontro Presidenza del Consiglio 25/02/2016

Roma, 26 febbraio 2016

TESTO UNITARIO

si è svolto il 25 u. s. il programmato incontro, presso la Presidenza del Consiglio, del tavolo di verifica per esaminare le problematiche sociali ed occupazionali più generali concernente la platea dei lavoratori c. d. Ex Lsu e Appalti Storici che svolgono i servizi in appalto presso la scuola pubblica.

Alla riunione erano presenti il Sottosegretario alla Presidenza, il Miur, il Ministero del Lavoro, il Mef, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil unitamente alle proprie Confederazioni, le Associazioni Datoriali di categoria, i Consorzi e le imprese Capofila titolari dei contratti di appalto.

Il Sottosegretario ha avviato il confronto informando le parti dell’intenzione del Governo di superare il limite del 31.03.2016 del progetto Scuole Belle prorogandolo fino alla fine dell’anno scolastico in corso, per permettere di guadagnare un ulteriore periodo di tempo utile per definire “una soluzione a regime” al problema occupazionale e di tutela del reddito relativo ai lavoratori interessati. A fronte di quanto sopra è stato evidenziato che le imprese dovranno ritirare le procedure di licenziamento collettivo attivate a gennaio u. s.

Il Sottosegretario ha, altresì, illustrato i passaggi e le tempistiche per definire le proposte avanzate, proponendo quanto segue:
- definizione a breve di un incontro tra le imprese, il Miur e il Ministero del Lavoro per fare una analisi di dettaglio dei dati occupazionali, che le stesse imprese hanno trasmesso anticipatamente all’incontro, al fine di poter verificare la compatibilità tra le risorse economiche che il Miur stà predisponendo e il proseguo del progetto Scuole Belle;
- riconvocazione delle parti presenti all’incontro del 25 u. s., per formalizzare la continuità dei lavori di ripristino del decoro fino alla fine dell’anno scolastico in corso;
- convocazione delle Organizzazioni Sindacali e delle imprese da parte del Ministero del Lavoro per la chiusura delle procedure attivate;
- calendarizzazione di successivi incontri alla Presidenza del Consiglio per giungere alla definizione delle soluzioni strutturali alle problematiche occupazionali e di reddito dei lavoratori occupati negli appalti delle scuole.

Di fronte alla presentazione fatta dal Sottosegretario le Organizzazioni Sindacali hanno espresso un positivo apprezzamento per le proposte avanzate dalla Presidenza del Consiglio, dato che è stato rappresentato un programma che prevede una soluzione che fornisce una immediata risposta e permette di guadagnare tempo per affrontare compiutamente e strutturalmente la problematica occupazionale e di tutela del reddito, così come definito nel piano industriale sottoscritto il 28.03.2014.

Altresì è stato portato all’attenzione del Sottosegretario il limite del riferimento al termine dell’anno scolastico rispetto alla proroga dei lavori di decoro, rappresentando che la maggior parte della platea dei lavoratori ha contratti di lavoro su 12 mesi all’anno e quindi la necessità di far svolgere l’attività lavorativa anche nei mesi di luglio e agosto p. v..

Alla richiesta avanzata dalle Organizzazioni Sindacali il Sottosegretario ha confermato che ha ben presente la questione sollevata e che per poter dare una risposta esaustiva è di fondamentale importanza l’incontro con le imprese per far uscire il numero vero degli occupati sull’appalto, tenuto conto che risulta qualche inserimento i personale dopo l’avvio delle nuove gare Consip, e a caduta comprendere le necessità economiche per coprire l’effettiva platea dei lavoratori interessati. Solo dopo tale confronto potranno sciogliere la riserva sulla durata dei nuovi lavori di ripristino del decoro da attivare.

Per dare sostegno a quanto espresso si è proceduto con la definizione del calendario dei prossimi appuntamenti che vedrà l’incontro tra i Ministeri e le imprese il 02.03.2016, la riconvocazione alla Presidenza del Consiglio per l’8 p. v. e la convocazione da parte del Ministero del Lavoro per la chiusura delle procedure per il 9 o 10 marzo.

Al termine della riunione la Presidenza del Consiglio ha confermato che avrebbe predisposto un comunicato stampa per dare evidenza di quanto intervenuto nell’incontro svolto di cui alleghiamo copia.

Alleghiamo alla presente il prospetto riepilogativo dei dati occupazionali che hanno trasmesso le imprese, tenuto conto che potrà subire ancora alcuni aggiustamenti già preannunciati dalle stesse, e vi chiediamo di verificare puntualmente per ciascun territorio la rispondenza dei numeri espressi e di segnalarci eventuali incongruità rispetto alle reali situazioni.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini