Appalti Scuole, esito incontro Presidenza del Consiglio 18/10/2016

Roma, 18 ottobre 2016

TESTO UNITARIO

Si è svolto in data odierna il programmato incontro alla Presidenza del Consiglio, alla presenza del Miur, del Ministero del Lavoro e del Mef, nonché delle imprese titolari dei contratti di appalto e delle loro Associazioni Datoriali, come previsto dall’accordo del 08.03.2016, per dare continuità all’occupazione e garanzie di reddito delle lavoratrici e dei lavoratori c. d. Ex Lsu e Appalti Storici.

La Presidenza del Consiglio all’avvio dell’incontro è andata immediatamente al merito delle questioni, presentando una proposta già portata in discussione al Consiglio dei Ministri nelle more della definizione della Legge di Bilancio (ex legge di stabilità) che è in fase di discussione.

La proposta formulata prevede il prolungamento del progetto “Scuole Belle” fino a scadenza degli appalti di pulizia, cioè fino al 31 agosto 2017.

Dato che le risorse verrebbero stanziate nella Legge di Bilancio, ad oggi rimarrebbe escluso il mese di dicembre che nella previsione presentata sarebbe coperto attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali, nella fattispecie i FIS.

Inoltre è stato confermato che la convenzione Consip in corso scadrà il 31.08.2017 e conseguentemente nei primi mesi del 2017 verranno ridefinite le nuove gare.

Nella predisposizione dei nuovi bandi di gara, la Presidenza del Consiglio ha sottolineato che verranno definiti in modo da ampliare e migliorare i servizi erogati attualmente e occupare in misura maggiore sulle pulizie e l’ausiliariato la platea dei lavoratori Ex Lsu e Appalti Storici.

Nel corso del confronto le Organizzazioni Sindacali hanno apprezzato la proposta organica e strutturata avanzata dal Governo, marcando però alcune perplessità sul proseguo dei lavori di decoro fino ad agosto 2017 ed inoltre hanno chiesto di individuare soluzioni, che consentano la riduzione della platea dei lavoratori coinvolti con percorsi di uscita per pensionamenti o di facilitazione al raggiungimento dei requisiti necessari.
Le stesse Organizzazioni Sindacali hanno sottolineato che per avere l’effettiva verifica della tenuta della proposta avanzata dalla Presidenza del Consiglio è assolutamente necessario avere la certificazione del numero dei lavoratori occupati negli appalti e chiesto se è possibile avere un aggiornamento dell’analisi fatta da parte del Ministero del Lavoro, sui requisiti pensionistici della platea interessata.

Data la necessità di affinare la proposta per raggiungere una intesa, anche sulla base delle osservazioni espresse sia dalle Organizzazioni Sindacali che del sistema delle imprese, la riunione è stata aggiornata al prossimo 25 ottobre 2016 alle ore 14.00.

P. Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini