Documenti di settore

Appalti Scuole, esito incontro Miur 23/03/2017

Roma, 23 marzo 2017

    Testo Unitario

    Il 23 marzo 2017 si è svolto il programmato incontro presso il Miur con il Sottosegretario Vito De Filippo, come da impegni assunti il 16 u.s. in occasione della manifestazione tenutasi a Roma.

    In merito alla necessità di rispondere all’emergenza venutasi a determinare nei lotti ove sussiste per vari motivi la revoca della convenzione Consip Scuole, il Sottosegretario ha confermato che il dispositivo legislativo dallo stesso annunciato, verrà portato all’esame del prossimo Consiglio dei Ministri.

    Il Sottosegretario ha affermato che i contenuti del dispositivo sono finalizzati alla garanzia della continuità occupazionale, mantenendo gli impegni assunti negli accordi quadro governativi sia relativamente la continuità dei servizi di pulizia, nonchè di decoro fino al 31.08.2017.

    In riferimento alla continuità occupazionale le Organizzazioni Sindacali hanno evidenziato che le aziende coinvolte stanno avviando le procedure di licenziamento collettivo. Rispetto a tale condizione è stata rappresentata al Miur la necessità di tener conto che sia la lex speciali di gara, sia il CCNL del settore pulizie e servizi Integrati/multiservizi, prevedono l’applicazione in caso di cambio di appalto delle clausole sociali, pertanto le procedure di cui sopra si ritengono illegittime.

    Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil, unitamente ad una delegazione di rappresentanti sindacali, hanno fatto presente al Miur anche le difficoltà che stanno vivendo i lavoratori occupati nei lotti non interessati dalle revoche, circa il mancato decollo dei lavori di decoro

    È stato infatti evidenziato che in seguito alla mancata acquisizione dei lavori di decoro da parte dei dirigenti scolastici, gli stessi pur avendo a disposizione le risorse decretate dal MIUR, non attivano gli interventi e non procedono alla rinuncia bloccando di fatto le risorse e il conseguente il riposizionamento su altri Istituti Scolastici.

    Proprio rispetto al tema delle attività di decoro il Miur ha altresì comunicato di aver predisposto un’ulteriore nota da inviare alle scuole che tengono bloccate le risorse al fine di sollecitare l’acquisto, inserendo l’indicazione che se entro un certo lasso di tempo i dirigenti scolastici non dovessero sottoscrivere i contratti attuativi, né procedere in termini effettivi alla rinuncia, varrà la regola del silenzio assenso e conseguentemente le risorse non spese verranno dedicate ad altri Istituti.

    Nell’occasione il Ministero ha reso noto l’andamento della raccolta degli interventi a sportello per il decoro, confermando un’alta adesione da parte delle scuole, che vede un trend costante di richieste permettendo la quasi totale allocazione delle risorse destinate all’acquisto con tale modalità.

    La richiesta a sportello terminerà il 31 p.v. e dopo tale data le risorse verranno inviate alle scuole per attivare i contratti attuativi.

    Per quanto riguarda il futuro, il Sottosegretario ha confermato che quotidianamente sono in contatto con la Presidenza del Consiglio per definire l’incontro entro i termini stabiliti nell’accordo del 04.11.2016.

    Fermo restando l’incontro, in ogni caso, il Sottosegretario ha comunicato che come Ministero stanno già approntando una serie di approfondimenti per poter arrivare al suddetto incontro con una proposta su cui lavorare collettivamente per giungere ad una soluzione strutturale.

    L’incontro si è aggiornato in tempi utili, in riferimento all’emanazione del dispositivo legislativo in fase di approvazione.


    p. La Segreteria Filcams Nazionale
    Elisa Camellini