APPALTI DI PULIZIA NELLE SCUOLE, PROSEGUE IL CONFRONTO

04/10/2013

3 ottobre 2013

Appalti di pulizia nelle scuole, prosegue il confronto

Il 30 settembre si è svolto il programmato incontro del Tavolo Politico di confronto tra il Ministero dell’Istruzione e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil per proseguire nella gestione della vertenza delle lavoratrici e dei lavoratori occupati negli appalti di pulizia e servizi ausiliari presso gli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado.
Dopo la denuncia intervenuta nei giorni scorsi da parte delle Organizzazioni Sindacali, circa il mancato rispetto degli impegni assunti da parte del Ministero, con conseguente proclamazione dello stato di agitazione, l’incontro ha rimesso al centro, pur con difficoltà, la riconferma degli accordi raggiunti precedentemente a salvaguardia dell’occupazione e del reddito dei lavoratori.
Oltre alla riconferma delle intese si è proseguito nell’analisi per la ricerca delle soluzioni da attuare prima dell’avvio delle nuove gare per raggiungere l’obiettivo di dare continuità occupazionale e reddituale ai lavoratori coinvolti, nel momento in cui passeranno in carico alle nuove imprese aggiudicatarie della gara CONSIP.
Il Miur ha aggiornato lo stato della gara Consip, confermando l’aggiudicazione di 9 lotti su 13, come definiti nella gara stessa, indicando di massima le tempistiche per l’avvio dei contratti attuativi che determineranno l’effettiva attivazione dei nuovi appalti: rispetto ai lotti già assegnati, i nuovi contratti di appalto decorreranno non prima di dicembre 2013, mentre per il lotto della Puglia, se fossero stati rispettati i tempi delle procedure in modo accelerato, la decorrenza dei nuovi contratti poteva intervenire a far data dal primo novembre.
Nel prosieguo della discussione, data l’importanza che riveste la vertenza e per il raggiungimento degli obiettivi condivisi, a fronte della preoccupazione manifestata dalle organizzazioni Sindacali, si è convenuto di coinvolgere anche altre Istituzioni preposte, in particolare la Presidenza del Consiglio dai Ministri, su cui lo stesso Miur ha già attivato la richiesta di predisposizione di un apposito tavolo politico aperto alla partecipazione di più interlocutori istituzionali.
Alla luce di quanto sopra l’incontro si è concluso con la proroga per l’ulteriore mese di novembre 2013 degli appalti attualmente in essere in tutti i lotti destinando da parte del Ministero dell’Istruzione le apposite risorse, così anche da creare le necessarie condizioni per il prosieguo del confronto che è stato aggiornato al prossimo 14 ottobre ed evitare che le procedure di licenziamento dei 24.000 lavoratori occupati, attivate dalle imprese, vadano in definizione prima della data dell’effettivo passaggio di appalto in capo alle nuove imprese aggiudicatarie delle gara CONSIP.
Data la difficolta e la complessità della vertenza, Filcams-Fisascat-Uiltrasposrti si stanno raccordando con le confederazioni CGIL-CISL-UIL per una azione coordinata a tutti i livelli della vertenza.
Le OO. SS. Sono impegnate a dare uno sbocco ad una vertenza che se non viene risolta positivamente produrrebbe gravi danni sociali: aggraverebbe le condizioni di migliaia di famiglie già ai limiti di reddito di sopravvivenza; rischierebbe di sfociare in un durissimo conflitto sociale.
Vista la difficoltà che permane anche al tavolo del Ministero del Lavoro le Organizzazioni Sindacali confermano lo stato di agitazione aperto.