Aperture festive, dopo 5 anni dal Decreto Monti nessun miglioramento economico e occupazionale

13/04/2017
LafestanonSivende2017_big

Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e 1 maggio, sono solo alcune delle festività civili e religiose che continuano ad alimentare il dibattito tra chi sostiene le aperture festive di negozi e centri commerciali e chi vorrebbe regolamentare la chiusura delle saracinesche.

La Filcams Cgil da sempre contraria alla totale liberalizzazione degli orari e delle aperture nel commercio, sta portando avanti una battaglia a sostegno di una regolamentazione del settore, che permetta di venire incontro anche alle esigenze delle lavoratrici e lavoratori.

Guarda il video de La Festa Non Si Vende

“Il commercio non è un servizio essenziale paragonabile, come molti fanno, agli infermieri, vigili del fuoco o altro” afferma Alessio Di Labio, della Filcams Cgil nazionale, “cosi come non è vero che tutti i paesi europei sono sempre aperti nei giorni festivi.

Le aperture indiscriminate non hanno, come molti auspicavano, né aumentato i consumi nè l’occupazione. Lo dimostrano le tante procedure di licenziamento collettivo aperte da diverse aziende della Grande Distribuzione Organizzata.”

Dal 2015 un disegno di legge per regolamentare le aperture nei giorni di festa è fermo al Senato e non è ancora stato approvato.

A 5 anni dal Decreto Monti, che ha dato il via al sempre aperto, non c’è stato nessun miglioramento economico che ha portato il paese fuori dalla crisi, ne aumento di posti di lavoro che ha migliorato le percentuali dell’occupazione” prosegue Di Labio. “Invece è molto più evidente come la risposta alla crisi dei consumi e alla liberalizzazione, da parte delle imprese, ha prodotto effetti negativi sui temi dell’organizzazione del lavoro, gli orari, i turni, le flessibilità dei tempi di lavoro. “

“Come Filcams riteniamo ormai indispensabile intervenire sulla normativa nazionale per far si che possa essere definita una programmazione annuale delle aperture, per tener conto della conciliazione dei temi di vita e lavoro dei dipendenti del commercio e per rispettare le festività civili e religiose del nostro paese”.

Diverse le realtà territoriali dove le organizzazioni sindacali hanno proclamato lo sciopero per i giorni festivi: Emilia Romagna, Puglia, Toscana e Umbria, oltre all’Outlet di Serravalle dove è stata organizzata una manifestazione per sabato .

Anche per questo prosegue, con una nuova veste grafica, la Campagna di informazione La Festa Non Si vende, che sarà diffusa nei prossimi giorni tramite i social network.

Con il consueto piglio ironico, la Filcams Cgil vuole mantenere alta l’attenzione su una delle tante problematiche delle lavoratrici e dei lavoratori del commercio.

Guarda il video de La festa Non Si Vende