Apcoa Parking Italia, esito incontro 30/06/2015

Roma, 16 luglio 2015

Il 30 giugno u.s. si è tenuto a Roma, in via dei Mille 56, l’incontro tra Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs e Apcoa Parking Italia spa, incontro che aveva l’obiettivo di definire il primo integrativo valido per tutta l’azienda.

Premesso che una prima riunione è stata disdettata all’ultimo minuto dall’azienda solo perché le organizzazioni sindacali non avevano trasmesso per scritto tutte le loro proposte, cosa alquanto anomala, in quanto incontrarsi sarebbe comunque servito a meglio precisare le rispettive posizioni, la vera sorpresa la si è avuta nell’incontro del 30 giugno, a fronte delle nostre proposte. Apcoa si è guardata bene dall’iniziare una qualsiasi trattativa, annunziando che, a seguito dell’ingresso dei nuovi proprietari (un fondo americano), avevano chiesto alle risorse umane di trattare con le OO.SS. un abbattimento del costo del lavoro di circa 300 mila euro.

La piattaforma da noi inviata, relativamente alla formazione ed al resto delle richieste sommava a circa 100 mila euro. L’azienda a questo punto ci ha comunicato ufficialmente che quella cifra non era nella loro disponibilità.

Le richieste che – secondo Apcoa – facevano saltare i conti erano, soprattutto:

    a)quella relativa all’aumento dei ticket da 5,16 a 7 euro (costo 65.000 euro);

    b)miglioramento trattamento malattia (10.000 euro);

    c)incremento part time e organizzazione del lavoro

    d)premio di produttività variabile

Per questo motivo la trattativa è stata interrotta. Le organizzazioni sindacali hanno comunque replicato che:

    1)l’azienda non può pensare di chiudere un integrativo a costo zero o – addirittura – guadagnandoci;

    2)in ogni caso c’era una parte, quella relativa alle relazioni sindacali, sicuramente senza “costi aggiuntivi” e che poteva essere estrapolata e sottoscritta.

Apcoa non ha escluso questa ultima possibilità, per cui le parti si sono impegnate a rivedersi dopo le ferie per concordare un testo che definisca le regole dei rapporti tra le parti, sia a livello nazionale che territoriale. Vi terremo informati sull’evolversi della situazione.

                          p. la Filcams Cgil Nazionale
                          Sandro Pagaria