ANSA: SANITA’: SINDACATI, E’ RISCHIOSA PRIVATIZZAZIONI FARMACIE

19/07/2000

ANSA 15:29 18-Lug-2000
KBXC
ZCZC0291/SXA
WIN20247
R ECO S0A S04 R46 QBXB
SANITA’: SINDACATI, E’ RISCHIOSA PRIVATIZZAZIONI FARMACIE
(ANSA) – ROMA, 18 LUG – La ”privatizzazione” in atto delle
farmacie pubbliche mette a rischio la salvaguardia della salute
e dei diritti dei cittadini.
A lanciare l’allarme sono state le tre organizzazioni
sindacali di settore, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil,
secondo cui il processo gia’ avviato in alcune citta’ italiane
e’ ”estremamente pericoloso”: esemplare e’ il caso di Bologna,
dove l’Azienda farmaceutica municipale e’ stata ceduta per l’80%
alla Gehe, multinazionale tedesca. L’entrata dei grandi gruppi
internazionali comporta, secondo le federazioni, ”il prevalere
dell’aspetto commerciale, a discapito dei servizi socio-sanitari
e farmaceutici: come l’educazione a un uso prudente dei farmaci,
l’assistenza e la distribuzione domiciliare e l’informazione
sanitaria, ipotesi queste ultime previste nel progetto di
valorizzazione delle farmacie pubbliche”. In realta’, la legge
prevede che ogni farmacia abbia un singolo titolare: l’unica
eccezione e’ data dal diritto di prelazione che, sulle sedi
nuove, il Comune puo’ esercitare al 50%, potendo cosi’ acquisire
piu’ farmacie. Con la possibilta’ di trasformare le farmacie
municipali in Spa, senza vincolo di maggioranza pubblica, come
previsto nel riordino degli Enti locali, le aziende ”attraverso
un procedimento occulto possono creare catene farmaceutiche”.
Per questo, i sindacati di settore chiedono ”mantenere una Spa
a maggiornza pubblica e garantire i servizi sociali”. (ANSA).
RED