Angem, Fipe, esito incontro emergenza Covid-19 settore ristorazione collettiva 11/03/2020

Roma, 12 marzo 2020

    Nel tardo pomeriggio di ieri, si è tenuto l’incontro, in modalità di conference call, con rappresentanti di Angem e Fipe, a seguito della richiesta di Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL volta a trovare affidamenti e posizioni comuni rispetto alla situazione legata all’emergenza COVID-19.

    In premessa, Angem e Fipe hanno sottolineato la necessità di condividere posizioni ed atti per far emergere le ricadute su tutto il settore della Ristorazione Collettiva dei provvedimenti presi dal Governo nell’ambito delle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, da portare all’attenzione del Governo, per chiedere strumenti a sostegno e tutela delle imprese e delle lavoratrici e lavoratori del settore. Rimarcando come le conseguenze dei primi provvedimenti rischino di mettere in crisi l’intero settore, ragione per la quale si sono detti pronti ad utilizzare gli ammortizzatori sociali ad oggi disponibili, a partire dal Fondo di Integrazione Salariale, dichiarandosi però indisponibili ad anticipare l’erogazione dell’assegno ordinario.

    Le OO.SS. nel sottolineare come già le Confederazioni abbiano portato all’attenzione del Governo le specificità del settore, hanno però rimarcato come questa condivisione di intenti non sia coerente con la posizione, espressa dalle associazioni datoriali, di non farsi carico dell’anticipo dell’assegno ordinario.

    Come Filcams, pur comprendendo le difficoltà delle imprese, abbiamo ribadito come sia pregiudiziale il riconoscimento dell’anticipo dell’assegno ordinario, richiamando alla coerenza e al rispetto delle normative e soprattutto alla responsabilità sociale verso i lavoratori, evidenziando le ricadute che avrebbe questo diniego sulle loro condizioni, facendo emergere poi come questa posizione sia poco giustificata, soprattutto se assunta da grandi imprese e multinazionali del settore, come Elior, Serenissima e Sodexo, anche in rapporto ai positivi accordi sottoscritti invece con le imprese Cooperative.

    A fronte di questa ferma posizione unitaria delle OO.SS., le Associazioni Datoriali e le imprese presenti hanno chiesto di aggiornare ad oggi l’incontro.
    Sarà nostra cura tenervi aggiornati sugli sviluppi del confronto, alla luce dei quali condivideremo le azioni da fare.


    p.la Filcams CGIL Nazionale
    Cinzia Bernardini