Angeletti: la Cgil fa politica

13/11/2003


      Giovedí 13 Novembre 2003

      Consumi

      Angeletti: la Cgil fa politica
      Apprezzamento per Tremonti

      ROMA - «La Cgil? Anche il Papa incontrando esponenti di Solidarnosc ha detto che un sindacato troppo politicizzato è rovinoso». Così ieri il leader della Uil Luigi Angeletti,
      incontrando i giovani di Forza Italia del Lazio per discutere della riforma previdenziale, ha espresso le sue riserve nei confronti del sindacato guidato da Guglielmo Epifani.
      «Spesso siamo in disaccordo — ha poi aggiunto —: loro fanno un’opposizione politica, ma questo è il vizio d’origine dei sindacati italiani, partoriti dal sistema politico nell’immediato dopoguerra». Positivo invece il giudizio di Angeletti sul ministro dell’Economia: «Tremonti — dice — è il miglior interlocutore rintracciabile nei due schieramenti, il più autorevole esperto in materia».
      E quando gli si chiede se l’Esecutivo non abbia puntato alla riforma per fare cassa, il segretario della Uil risponde secco: «Non è assolutamente questa l’intenzione del governo. Anche perché i soldi di questa riforma si vedrebbero tra 20 anni».