Ancona. Mariotti: sindacati preoccupati

27/04/2006

    gioved� 27 aprile 2006

      �Mariotti� verso il mercato dell’usato
      Sindacati preoccupati per i lavoratori

        ANCONA — Si � tenuto ieri, presso l’assessorato regionale al Lavoro, l’atteso incontro tra le organizzazioni sindacali Filcams Cgil e Fisascat Cisl, le Rsu aziendali con l’assessore regionale, Ugo Ascoli per fare il punto sulla situazione della crisi alla concessionaria Mariotti.

        Dagli incontri avuti nei giorni scorsi con i titolari della Mariotti, a capo anche di due altre societ� pi� piccole, le organizzazioni sindacali, hanno gi� ottenuto il pagamento in tre tranche (l’ultima entro il 12 maggio ) dei tre mesi di stipendi arretrati ai 77 dipendenti e l’assicurazione dai consulenti aziendali che un piano di riorganizzazione sar� presentato entro la prossima settimana. Ma le preoccupazioni dei sindacati stanno proprio su questo fronte: un piano di riorganizzazione che probabilmente � destinato a puntare alla riconversione verso la sola assistenza meccanica e il mercato dell’auto usata non fa essere ottimisti sulla stabilit� dei posti di lavoro, riducendo in sostanza il settore della vendita.

        Il principale obiettivo dei sindacati �, a questo punto, il riassorbimento delle tante professionalit� formatisi in quaranta anni di esperienza e di forte presenza sul mercato regionale dell’auto, nella societ� che subentrer� all’azienda, come concessionaria Mercedes. A questo scopo sarebbe utile anche far conoscere approfonditamente la situazione, non solo di 77 persone, ma naturalmente anche delle altrettante famiglie, alla Casa Madre – “Mercedes Italia” che ha sede a Roma. Proprio su quest’ultimo punto l’assessore Ugo Ascoli ha assicurato il suo impegno: �Chieder� ai titolari della Mariotti di incontrarci qui in Regione, entro la prossima settimana, per disporre di tutti gli elementi di conoscenza che possano favorire i migliori esiti per tutti�.