“Analisi” Un colpo a Ciampi e uno ad Agnelli

05/12/2002
il Riformista
 


5 Dicembre 2002


empty image
VOCI DI DENTRO.
TORINO RESPINGE IL DIKTAT E SI IRRIGIDISCE SULLA VERTENZA
Un colpo a Ciampi e uno ad Agnelli

Ecco il risiko che gioca il Cavaliere
Il premier imprenditore vuol rompere l’arrocco di Mediobanca
su Toro, vero gioiello Fiat

Se nulla cambia, oggi a palazzo Chigi le tre gambe del tavolo si spezzeranno: i sindacati
da una parte, la Fiat dall’altra e il governo in mezzo alla tempesta. Il Lingotto ha deciso di
tenere duro e andare fino in fondo. «Non c’è altra strada che applicare il nostro piano»,
insistono a Torino. Il management del gruppo e la Ifi che rappresenta la famiglia Agnelli,
sono sulla stessa linea. «Lo abbiamo detto e ripetuto – aggiunge la stessa fonte – Abbiamo
la volontà, le risorse e la strategia. La Fiat non è perduta, anzi. Non ci servono nuovi
capitali, tanto meno dello Stato. Serve un clima favorevole, un ambiente non ostile».
Tutto il contrario di quel che sta accadendo non solo nelle fabbriche e tra gli operai minacciati
(come è comprensibile), ma anche a Roma, soprattutto nel Palazzo.
Sono già pronte 5.600 lettere per la cassa integrazione a zero ore. Ogni eventuale flessibilità
della Fiat è caduta dopo l’attacco aperto di Silvio Berlusconi. Le parole del presidente del
Consiglio e ancor più il tono irridente, sprezzante, hanno avuto un effetto shock. Come mai si
è arrivati a tanto? Un ego smisurato ha spinto Berlusconi ad annunciare la sua miracolistica
ricetta (dalla Stilo-Ferrari a Luca di Montezemolo)? O c’è dell’altro?
Alcuni hanno interpretato l’uscita di martedì come un seguito dell’incontro di Arcore.

Ma quella domenica di ottobre, Berlusconi aveva una proposta da presentare: aiuto pubblico
in cambio dei gioielli di famiglia. E’ stato respinto da Paolo Fresco e Gabriele Galateri come
dalle banche. Adesso, il governo non ha nulla di concreto in mano.
L’intervento dello Stato è lo spettro che aleggia sulla trattativa e non si materializza mai.
Berlusconi, tuttavia, vorrebbe trarre dalla crisi due vantaggi: uno politico e uno finanziario.
Politicamente, potrebbe liberarsi dalla tutela di uno dei suoi "grandi elettori", casa Agnelli.
Molti fanno osservare che nello stesso giorno Umberto Bossi se l’è presa con Carlo Azeglio
Ciampi, cioè l’altro "tutore" che dovrebbe evitare il deragliamento del centro-destra.
E’ vero, Berlusconi si è allarmato e ha mandato Gianni Letta al Quirinale.
Ma sembra che lunedì sera, nella periodica cena ad Arcore, il Senatur abbia detto chiaro
e tondo che «il vero nemico è Ciampi» senza essere dissuaso.
La partita finanziaria, invece, si gioca lungo l’asse Torino-Milano-Trieste.

E si incrocia con la doppia battaglia sul futuro di Mediobanca e sul controllo delle Generali.
L’operazione Sai-Fondiaria ha messo l’istituto di piazzetta Cuccia sulla graticola dell’Antitrust.
Mediobanca non può avere nel suo paniere le uova del più grande gruppo di assicurazioni e
del numero due. A questo punto, però, potrebbe scendere in campo Mediolanum (che Ennio
Doris controlla insieme a Fininvest) per rilevare Toro, il vero gioiello ancora incastonato nella
corona Fiat. Ciò, prima che si materializzino altri pretendenti (nei giorni scorsi si era parlato
di Munich Re, ipotesi poi smentita in parte).
L’obiettivo strategico di Mediobanca è creare attorno a sé una galassia di bancassurance, come

la chiamano in Francia, abbastanza forte da resistere alle incursione dei giganti stranieri, tedeschi
e francesi soprattutto. Una preoccupazione che sta a cuore anche ad Antonio Fazio.
In fondo, è quel che Enrico Cuccia aveva fatto trent’anni fa con l’industria.
Oggi il "core business" si è spostato sui servizi, a cominciare da quelli finanziari. Vincenzo
Maranghi, così, avrebbe la possibilità di ridurre le sue partecipazioni incrociate, senza perdere
il controllo di fatto perché resterebbe al centro del nuovo sistema planetario affidato a mani amiche.
Un arrocco formidabile dal quale il Berlusconi capitalista vorrebbe ottenere un vantaggio notevole.
Il progetto ha una difficoltà ulteriore perché Toro è azionista di Banca di Roma la quale è principale
azionista di Mediobanca. Ma quest’altro incrocio potrebbe essere sciolto concedendo a Cesare
Geronzi la presidenza di piazzetta Cuccia.
Fantafinanza? «Prima salviamo la Fiat, poi si vedrà», tagliano corto a Torino. Quanto ai gioielli di
famiglia, sono tutti impegnati per sostenere l’auto, sono la garanzia per le banche. La quota Hdp che
fa gola perché porta con sé il Corriere della sera, vale circa 150 milioni di euro.
Venderla significherebbe uno sconquasso nei precari equilibri dell’editoria senza alcun vero vantaggio
economico. Gianni Agnelli, tornato da New York dopo il secondo ciclo di cure, ha convinto l’intera
la famiglia a serrare i ranghi attorno al management. L’uscita di Berlusconi, così, potrebbe trasformarsi
in un boomerang. Se messi con le spalle al muro, infatti, l’Avvocato e suo fratello Umberto potrebbero
scegliere banche amiche accettando che i prestiti vengano trasformati in azioni Fiat, invece di
smantellare l’impero.

QUESTO ARTICOLO