AMMORTIZZATORI SOCIALI-proroga cigs al 31.12.2001 cigs imprese commerciali 50/200 dipendenti, ecc.

Roma, 20 dicembre 2000

Oggetto: Ammortizzatori sociali

                                          Alle FILCAMS Regionali
                                          e Comprensoriali
                                          L O R O S E D I

Con l’approvazione al Senato (ndr seduta del 19/12/2000) di alcune norme relative a: la proroga della cassa integrazione straordinaria e della mobilità per le imprese commerciali con più di 50 dipendenti; l’aumento dell’indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti; la clausola di salvaguardia degli effetti prodotti dal decreto legge 24 novembre n. 346 che dettava, tra l’altro, norme per la proroga della cassa integrazione straordinaria e la mobilità per le agenzie di viaggi, gli operatori turistici, le agenzie di vigilanza, si è ; conclusa, peraltro positivamente, una fase del nostro lavoro dedicata esclusivamente, in assenza di una riforma complessiva del sistema degli ammortizzatori sociali, a riconfermare i trattamenti temporanei già in essere e ad ottenere i miglioramenti possibili nella situazione data.

Pertanto ora siamo in presenza del quadro normativo descritto nella tab. A.

      Tab. A : Norme, contenuti, fonti legislative in materia di ammortizzatori sociali
      riguardanti le categorie della FILCAMS-CGIL
    FONTE LEGISLATIVA
    NORME
    CONTENUTI
    Decreto Legge 24/11/’00
    n. 346 (G.U. n. 277 del
    27/11/’00)
    Art. 1, comma 6, lettera g) Proroga al 31/12/2001 dei trattamenti di cassa integrazione straordinaria e di mobilità di cui all’art. 62, comma 1, lettera g) della legge 23 dicembre 1999, n. 488, limitatamente alle agenzie di viaggi e turismo, compresi gli operatori turistici ed alle imprese di vigilanza, nel limite di lire 10 miliardi e 830 milioni
    Decreto Legge 24/11/’00 n. 346 (G.U. n. 277 del 27/11/2000) Art. 1, comma 15 Al fine di assicurare l’erogazione dell’indennità di mobilità , relativamente agli anni 1999 e 2000, ai soggetti di cui al decreto legge 20 aggio 1993, n. 148, convertito con modificazione dalla legge 19 luglio, n.236, prorogata per l’anno 1999 dall’art. 81, comma 3, dalla Legge 23 dicembre 1998, n. 448, e per l’anno 2000 dall’art. 62, comma 1, lettera g) della Legge 23 dicembre 1999, n. 488 è stanziata la somma di lire 94 miliardi
    Decreto Legge 24/11/’00 n. 346 (G.U. n. 277 del 27/11/2000) Art. 1, comma 19 I trattamenti di mobilità e di disoccupazione speciale di cui ai commi 6 e 15 sono erogati dall’INPS sulla base delle specifiche disposizioni impartite dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
    FONTE LEGISLATIVA
    NORME
    CONTENUTI
    Legge Finanziaria 2001 (Disegno di Legge 4885)* * Art. 83, comma 16 quinquies Le risorse finanziarie comunque derivanti dagli effetti dell’applicazione della decisione della Commissione Europea dell’11 maggio 1999 in materia di contratti di formazione e lavoro, da accertarsi con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, sono assegnate al fondo per l’occupazione di cui all’art. 1, comma 7, del Decreto Legge 20 maggio 1993, n. 148, convertito con modificazioni, dalla legge 19 luglio 1993, n. 236, per essere destinate, nei limiti delle medesime risorse, con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, ad interventi in materia di ammortizzatori sociali con particolare riferimento all’incremento dell’indennità di disoccupazione previsto dal comma 14, in caso di indennità di disoccupazione con requisiti ridotti.

      * Il numero della Legge e la stessa numerazione interna degli articoli, non sono
      quelli definitivi

    FONTE LEGISLATIVA
    NORME
    CONTENUTI
    Legge Finanziaria 2001 (Disegno di Legge 4885)* Art. 83 Bis* (interventi urgenti in materia di ammortizzatori sociali e di lavori socialmente utili), comma 11, lettera a) Sono prorogati, in attesa della riforma degli ammortizzatori sociali e comunque non oltre il 31 dicembre 2001, i trattamenti di cassa integrazione guadagni straordinaria e di mobilità, di cui all’articolo 62, comma 1, lettera g) della legge 23 dicembre 1999, n. 488, limitatamente alle imprese esercenti attività commerciali con più’ di 50 addetti. L’onore differenziale tra prestazioni, ivi compresa la contribuzione figurativa e gettito contributivo è pari a lire 50 miliardi
    Legge Finanziaria 2001 (Disegno di Legge 4885)* Art. 83 Bis* (interventi urgenti in materia di ammortizzatori sociali e di lavori socialmente utili), comma 17 Restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base del decreto legge 24 novembre 2000, n. 346. La presente disposizione acquista efficacia a decorrere dal 27 gennaio 2001

      * Il numero della legge e la stessa numerazione interna degli articoli, non sono quelli definitivi.

      Come si vede le norme di cui possiamo disporre hanno dei punti di criticità, in particolare:

      a)farraginosità della norma riguardante l’aumento dell’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti;
      b)necessità di specifiche disposizioni da parte del Ministero del Lavoro all’INPS per sanare la carenza di fondi che si è registrata nel 1999 e nel 2000;
      c)necessità che la clausola di salvaguardia venga interpretata in senso ampio in modo da fornire un’efficace copertura per l’intero 2001.

      Su questi aspetti occorrerà lavorare, non tralasciando, peraltro, di continuare a riproporre il tema della riforma dell’intero sistema degli ammortizzatori sociali.

      p/la Segreteria FILCAMS-CGIL
      (Antonia Franceschini)