Ammortizzatori sociali per le imprese di pulizia – Lettera al Ministero del Lavoro 04/10/04

                        Roma, 4 Ottobre 2004

Oggetto: Ammortizzatori sociali per le
Imprese di pulizia

Al Ministro del Welfare
On. le Roberto Maroni

Al sottosegretario al welfare
Sen. Pasquale Viespoli

L O R O S E D I

Egregi Signori,

la situazione nella quale si trova il settore delle imprese di pulizia è molto grave, e rischia di degenerare drasticamente nell’immediato futuro.

Infatti, gli effetti delle misure di contenimento della spesa pubblica hanno già prodotto, e produrranno presumibilmente negli anni futuri, tagli rilevantissimi nei rinnovi dei capitolati d’appalto, con conseguenti ricadute sui livelli occupazionali e sul reddito dei lavoratori.

Vi chiediamo un incontro urgente, preannunciandovi il ns. intendimento di ricorrere in modo assai più significativo alle disposizioni di cui al comma 5 dell’articolo 5 della legge 236/93.

In attesa di un Vs. cortese riscontro, porgiamo cordiali saluti.

p. la Cgilp. la Cislp. la Uil
F. FammoniR. BonanniC.F. Canapa

p. la Filcams-Cgilp.la Fisascat-Cislp. la Uiltrasporti-Uil
I. CorrainiG. BarattaS. Degni