Ammortizzatori sociali, fondi esauriti

18/07/2005
    domenica 17 luglio 2005

    Pagina 11 – Economia

    La Cgil avverte: nei primi sei mesi di quest´anno consumate tutte le risorse previste per il biennio 2005-2006

      Ammortizzatori sociali, fondi esauriti

        ROMA – Già esauriti gli ammortizzatori sociali stanziati per il biennio 2005-2006 e destinati alle imprese artigiane con meno di 15 dipendenti, alle attività commerciali con più di 50 e meno di 200 dipendenti e a tutte le aziende che abbiano già terminato i periodi ordinari di cassa integrazione. È l´allarme della Cgil: «nel momento di maggiore crisi economica e produttiva del Paese, migliaia di imprese e lavoratori rischiano di trovarsi senza protezione sociale e senza sostegno al reddito». Ecco i conti. Ai 310 milioni di euro previsti dalla Finanziaria 2005 si sono aggiunti i 150 milioni contenuti nel decreto 35 del marzo di quest´anno poi approvato dal Parlamento: 460 milioni con cui l´esecutivo pensava di coprire accordi aziendali e territoriali fino al 31 dicembre 2006. «Risorse di fatto esaurite al momento stesso della loro destinazione» sostiene la Cgil che denuncia «un loro uso quanto meno disinvolto». A metà 2005 risultano impegnati 450 milioni di cui 150 per la sola Lombardia e altri 100 per gestire le crisi in Abruzzo, Calabria, Campania, Umbria e Valle d´Aosta. «Un fatto significativo che ha indotto il governo a stanziare con il decreto legge 115 del 30 giugno altri 45 milioni» per dare fiato a settori boccheggianti come il tessile, il calzaturiero e l´abbigliamento. Il provvedimento spostava al 15 luglio il termine per stipulare accordi governativi per la concessione della Cassa integrazione ma solo per le domande depositate entro il 30 giugno.

        Secondo i calcoli del sindacato, occorre garantire almeno altri 100 milioni fino al 31 dicembre e ulteriori 600 milioni nel 2006 «per la sola gestione delle crisi aziendali».