Altro Lavoro, esito incontro 12/09/2013

Roma, 16 settembre 2013

Oggetto: Altro Lavoro – esito incontro 12 settembre

Testo Unitario

il 12 settembre 2013 presso Assolavoro si è svolto l’incontro in relazione alla procedura di mobilità per cessazione dell’attività attivata da Altro Lavoro, agenzia di somministrazione del lavoro di Firenze, che occupa 65 dipendenti.
Procedure di riduzione del personale sono stata altresi attivate anche per Iniziative Lavoro (che svolge l’attività relativa alla formazione) e Fedra (che svolge attività amministrativa), aziende "satellite" di Altro Lavoro, sempre di Firenze. Iniziative Lavoro occupa 5 dipendenti e ha dichiarato un esubero di 3, Fedra occupa 6 dipendenti e ne rimarranno 3, e per le dimensioni occupazionali di queste due aziende le OO.SS. hanno indicato il livello provinciale per la richiesta di ammortizzatori sociali.
Altro Lavoro invece ha filiali a: Bologna, Bolzano, Bussolengo (VR), Certaldo (FI), Empoli, Firenze, Livorno, Lucca, Montecatini (PT), Napoli, Poggibonsi (SI), Pontedera (PI), Prato, Roma, Tradate (VA).
La situazione finanziaria dell’azienda è fortemente critica, mentre la situazione di portafoglio presenta ancora un certo interesse, e l’applicazione del contratto di solidarietà attuato ad inizio anno non ha purtroppo migliorato la situazione finanziaria.
Al momento è stato dimostrato da Orienta, altra agenzia del settore, un certo interesse all’acquisizione di parte di Altro Lavoro. Come OO.SS. abbiamo cercato di creare le condizioni per il passaggio del maggior numero di dipendenti di Altro Lavoro e, in conclusione di un incontro lungo e complesso, si è definito che:

    1.La CIG in deroga sarà lo strumento di ammortizzatore sociale che verrà chiesto al fine di ridurre l’impatto occupazionale sulla popolazione che rimarrà in Altro Lavoro qualora l’azione di acquisizione da parte di Orienta avesse esito positivo
    2.Orienta si impegna ad operare per l’acquisizione di parte di Altro Lavoro (per un totale di una cinquantina di lavoratori), ad esclusione delle filiali di Bolzano, Napoli, Roma, Firenze sede, Firenze Ghirlandaio.

Pertanto si è provveduto a sottoscrivere un verbale di mancato accordo (per accelerare la possibilità di applicazione della CIG in deroga una volta concessa dal Ministero del Lavoro) e a breve giungerà la comunicazione di cessione parziale di attività ai sensi dell’art.47 L. 428/90. In allegato trovate il Verbale di Mancato Accordo.

p. la Filcams Cgil Nazionale
SandroPagaria