Altran Italia, esito incontro 13/02/2019

Roma 13/02/2019

Testo Unitario
Si è svolto in data odierna il programmato incontro tra Filcams Fisascat UILTuCS, con la partecipazione delle strutture interessate e dei delegati, con i rappresentanti di Altran Italia spa.
L’incontro fa seguito alla comunicazione aziendale, poi ritirata a seguito della reazione sindacale con la minaccia di ricorso ad azioni legali, relativamente alla decisione di non erogare il PdR 2018 previsto dal CIA sottoscritto nei mesi scorsi. A questo proposito, in apertura dell’incontro le OO.SS. hanno fortemente stigmatizzato la scellerata comunicazione aziendale che tradisce un atteggiamento ambiguo in materia di relazioni sindacali e di mancanza di rispetto degli accordi reciprocamente assunti. Su questo i rappresentanti aziendali hanno inteso riaffermare la propria volontà di rispettare gli accordi sottoscritti e l’importanza del tavolo sindacale e questo è stato la causa del ritiro della prima comunicazione e la riconferma che il PdR 2018 sarà regolarmente erogato secondo quanto previsto dal CIA.
Le OO.SS. sono state informate che in questi giorni è stato definito l’accordo con Easy Welfare per la gestione della piattaforma di utilizzo del Premio in servizi di welfare. Nei prossimi giorni l’azienda provvederà a informare tutti i lavoratori circa contenuti e modalità di utilizzo dell’opzione welfare, come prevista nel contratto integrativo.
L’azienda ha anche fornito informazioni circa l’attacco informatico che si è verificato nelle scorse settimane e ha interessato tutto il gruppo: sono state riaperte alcune sezioni e altre lo saranno a breve. In ogni caso non si è determinato alcun impatto sulle funzioni di erogazione delle retribuzioni, sul computo degli straordinari e le trasferte forfettizzate; per le trasferte gestite con i rimborsi è possibile caricare in piattaforma le note spese dalla data odierna. Su questo abbiamo affermato quanto riteniamo importante implementare la sicurezza informatica a garanzia dell’immagine e del business aziendale; tale posizione sarà confermata e sostenuta anche nel corso del prossimo incontro del CAE, trattandosi di un problema che riguarda l’intero gruppo e che ha impattato Altran Italia in misura minore rispetto ad altre articolazioni del gruppo.
L’azienda ha anche comunicato che il progetto sperimentale di smart working, di cui è previsto il termine a giugno, sta procedendo e interessa attualmente circa 170 lavoratori di tutte le sedi ai quali ogni mese si aggiungono ulteriori dipendenti.
L’azienda si è inoltre impegnata a comunicare a breve la verifica sull’eventuale aggiornamento del valore del buono pasto secondo l’indice ISTAT del mese di dicembre dell’anno 2018.
A breve dovrebbe partire un nuovo servizio che prevede un servizio H24 7 giorni su 7 e che interesserà al momento una ventina di lavoratori ai quali saranno applicate le maggiorazioni previste dalle norme e su cui l’azienda ritiene di poter valutare la definizione di uno specifico accordo aziendale. In primavera le parti si incontreranno per un aggiornamento su questo tema e sulle attività di formazione aziendale.

P.Filcams CGIL Nazionale
Massimo Mensi