Alpitour, addio a Viaggi elefante

14/04/2006
    venerd� 14 aprile 2006

    Pagina 20 – Turismo

      Alpitour, addio a Viaggi elefante
      Ceduta la quota del 35% alla famiglia Ducrot

        di Massimo Galli

          Viaggi dell’elefante torna al 100% nelle mani della famiglia Ducrot, dopo l’uscita di scena di Alpitour che ha ceduto la partecipazione del 35% acquisita sette anni fa. Non sono stati resi noti i termini dell’operazione, anche se Alpitour ha fatto sapere di avere conseguito una plusvalenza. I vertici del t.o. torinese hanno osservato che si tratta di �una pura partecipazione finanziaria, senza quindi un coinvolgimento diretto nella gestione’.

          La scelta di Alpitour � inoltre dettata dal fatto che il gruppo ha deciso di potenziare il brand Viaggidea che, per tipologia di cliente, � molto simile a quello di Viaggi dell’elefante, cio� di fascia alta. Alpitour ha quindi deciso �di investire per sviluppare ulteriormente il brand, con apertura di nuove destinazioni e nuovi esclusivi prodotti’.

          Dal canto suo Enrico Ducrot, amministratore delegato de I Viaggi dell’elefante, spiega che da tempo la famiglia (il padre Vittorio � presidente) voleva rientrare in possesso della totalit� del capitale nonostante le buone sinergie sviluppate con Alpitour, che hanno portato tra l’altro all’uscita di nuovi cataloghi e al lancio della linea mare. �Ora abbiamo previsto ulteriori progetti e volevamo avere una totale autonomia’, dice Ducrot, che parla di nuove destinazioni e opportunit� sul mercato. Intanto � allo studio la possibilit� di siglare accordi commerciali, sempre con Alpitour. L’anno scorso Viaggi dell’elefante ha registrato un fatturato di 18 milioni di euro movimentando 5.600 passeggeri. (riproduzione riservata)