Alleanza nelle caffetterie tra Autogrill e Segafredo

19/06/2003



        Giovedí 19 Giugno 2003
        Distribuzione - Oltre l’autostrada
        Alleanza nelle caffetterie tra Autogrill e Segafredo
        VINCENZO CHIERCHIA


        MILANO – Il gruppo Autogrill rilancia sulla caffetteria all’italiana, sigla una partnership con il gruppo Segafredo (che ha studiato la miscela) e vara un piano di rinnovamento dei punti vendita da 30 milioni di euro.
        L’obiettivo dichiarato è di sviluppare sul mercato italiano una catena omogenea di caffetterie all’italiana, con l’insegna Acaffè, che operereranno sia sulle reti autostradali sia nelle aree urbane e nei centri commerciali. Sei Acafè sono già operativi, a questi se ne aggiungeranno altri 16 entro la fine dell’anno. L’obiettivo a medio termine è di poter contare su una rete di almeno 350 punti vendita (tra rete autostradale e non).
        Nello stesso tempo la rete Acafè viene esportata anche in Europa. Un punto vendita sperimentale è stato aperto in Spagna. L’obiettivo, anche in questo caso, è di sviluppare una rete di caffè all’italiana su scala continentale.
        Partner del progetto è il gruppo Segafredo di Bologna, che ha studiato per l’occasione l’offerta di caffè. Segafredo dal canto suo ha già una diffusa presenza sullo scenario europeo. Grazie ad accordi di franchising con le compagnie petrolifere, Segafredo gestisce oltre 500 punti vendita di caffè sulle principali arterie stradali d’Europa ed ha anche iniziato a fare shopping di catene di caffetterie, le prime operazioni sono state realizzate in Gran Bretagna e Polonia.
        Ogni anno Autogrill serve oltre 150 milioni di tazzine di caffè. Autogrill è una multinazionale italiana che ha raggiunto la leadership a livello mondiale nel settore della ristorazione e della vendita di prodotti di largo consumo e di articoli legati al viaggio lungo autostrade, aeroporti e stazioni ferroviarie. La società è controllata da Edizione holding, finanziaria della famiglia Benetton, con il 57,09% del capitale. Dà lavoro a circa 40mila persone ed è presente in 15 Paesi con circa 4.400 punti di vendita, distribuiti in 900 sedi. Nel 2002 ha prodotto ricavi pari a 3.315,8 milioni di euro.